Guns N' Roses, Slash: “Non ho mai voluto essere un solista, ho sempre desiderato far parte di una band”. L’intervista

Rock News

Guns N' Roses, Slash: “Non ho mai voluto essere un solista, ho sempre desiderato far parte di una band”. L’intervista

Il chitarrista dei Guns N’ Roses ha spiegato anche perché ama così tanto suonare dal vivo in una band

Diventato famoso con i Guns N’ Roses, oggi sappiamo che Slash ha realizzato il suo più grande desiderio: suonare in una band. In un’intervista rilasciata a CFOX, il chitarrista ha spiegato perché preferisce suonare in un gruppo piuttosto che come solista: “Adoro suonare la chitarra – ha detto – ma nel business della musica ciò che mi ha sempre attratto in realtà è fare parte di una band, lavorare nei confini di un gruppo rock and roll”.

Non ho mai voluto essere un chitarrista solista – ha continuato – non ho mai desiderato scrivere pezzi strumentali complessi o cose di questo tipo per poi passare la vita in studio di registrazione. Tutto ciò che ho sempre voluto è scrivere qualche canzone e poi suonarla dal vivo. E penso che questa sia la chiave che mi ha sempre motivato e che continua a spingermi a salire su un palco di fronte a tutte quelle persone per suonare – ha sottolineato – ecco perché, finché continuerò a farlo, non smetterò di amare quello che faccio, per me è entusiasmante”.

Slash, insomma, non ama stare fermo o passare mesi in studio a scrivere e provare all’infinito nuovi pezzi; per lui la parte creativa è strettamente legata alle performance: “Ogni volta che scrivo del nuovo materiale o che lavoro in studio, lo faccio per uno scopo ben preciso che è quello di uscire, andare a suonare e fare parte di un gruppo – ha spiegato – e non quello di creare una realtà da solista, nella quale dovrei pagare dei musicisti per far sì che suonino qualsiasi cosa gli dica. Bisogna arrivare a quella dinamica del dare e ricevere che si può ottenere solo lavorando con altre persone e creando un certo tipo di energia”.

Slash dimostra di avere ancora lo spirito e la carica giusta per andare avanti nella sua carriera e questi sono elementi importanti che fanno ben sperare anche per il futuro dei Guns N’ Roses: “La passione di suonare la chitarra – ha detto ancora  - e di farlo davanti a un pubblico in quelle due ore o, nel caso dei Guns, in quelle tre ore, in questi live dove prendi e suoni tutta la notte, ecco, è proprio in queste occasioni che mi diverto di più a suonare la chitarra, perché è qualcosa che facciamo in totale libertà”.

Anche quando suoni la stessa canzone che hai già suonato milioni di volte – ha continuato – trovi sempre dei piccoli dettagli che ti piacciono, cose che le altre persone non saprebbero nemmeno riconoscere, ad esempio il modo in cui cambi qualcosa, oppure quando provi a fare qualcosa di nuovo. C’è sempre un sacco di spazio per l’improvvisazione. Posso esercitarmi tutto il giorno per mesi e non ottenere quanto invece ottengo suonando per tante persone, o facendo assoli per tutta la notte così come vengono. Per me, come musicista, è molto più divertente, entusiasmante e positivo fare tutto ciò piuttosto che sedermi a suonare la chitarra da solo. Questa è la mia opinione personale – ha concluso – potrebbe non funzionare allo stesso modo per altre persone, ma è così che funziona per me”.

Foto

Video

Concorsi

Virgin Radio Life

WEBRADIO tutte

webradio Radio Bau
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Bruce Springsteen - Hello Sunshine
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock '90
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Webradio Music Star Coldplay
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES