Gli ultimi mesi di Taylor Hawkins: il reportage americano che racconta l'ultimo periodo in tour del batterista

Rock News

Gli ultimi mesi di Taylor Hawkins: il reportage americano che racconta l'ultimo periodo in tour del batterista

Tra grandi polemiche e smentite l'articolo ha provato a fare luce sull'ultimo periodo di vita del compianto batterista dei Foo Fighters

Un reportage della rivista Rolling Stone sulla tragica scomparsa di Taylor Hawkins, batterista dei Foo Fighters trovato senza vita nella sua camera d’albergo a Bogotà in Colombia a 50 anni il 25 marzo scorso, sta scatenando polemiche in America. Secondo le ricostruzioni del magazine americano, Taylor Hawkins, che il 17 febbraio 2022 aveva compiuto 50 anni non sarebbe stato in grado di sostenere i ritmi del tour dei Foo Fighters, che era ripreso dopo i due anni di stop a causa della pandemia.

Dopo la nomina nella Rock and Roll Hall of Fame e l’uscita dell’album Medicine at Midnight nel 2021, i Foo Fighters hanno ripreso a fare quello che facevano meglio di tutti: suonare dal vivo senza risparmiarsi negli stadi di tutto il mondo per tre ore. Il primo concerto è stato a giugno del 2021 a Los Angeles, seguito dalla trionfale riapertura del Madison Square Garden di New York ma dopo quei due eventi speciali, secondo Rolling Stone, Taylor Hawkins avrebbe detto a Dave Grohl che non era sicuro di poter continuare a fare tour al ritmo previsto. Una delle fonti citate dalla rivista americana è il suo amico Matt Cameron, batterista dei Pearl Jam: «Lo ha detto a me e lo ha detto anche a Dave: “non ce la faccio.” Queste sono state le sue parole. Sono sicuro che ne abbiano discusso e trovato un accordo, ma non sembra che sia cambiato niente nella pianificazione del tour». Dichiarazioni pesanti, parzialmente ritrattate dallo stesso batterista dei Pearl Jam che in una nota, a seguito della pubblicazione dell'articolo, ha volto esprimere tutta la sua vicinanza alla famiglia di Taylor e ai Foo Fighters:

"Quando ho accettato di prendere parte all'articolo di Rolling Stone su Taylor, ho pensato che sarebbe stata una celebrazione della sua vita e del suo lavoro. Le mie parole sono state estrapolate dal contesto e modellate in una narrativa che non avrei mai voluto. Taylor era un caro amico e un artista di livello assoluto. Mi manca Taylor. Nutro il più profondo amore e rispetto per Taylor, Dave e la famiglia dei Foo Fighters. Sono davvero dispiaciuto di aver preso parte a questa intervista e mi scuso se la mia partecipazione può aver causato danni a coloro per cui ho solo la più grande stima e ammirazione".

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Matt Cameron (@themattcameron)

All'interno del reportage della rivista si aggiungono anche le parole di altri amici di Taylor Hawkins che hanno chiesto di rimanere anonimi: «Si è liberato di un peso parlando con Dave Grohl, ha avuto molto coraggio».

A queste parole si aggiungono quelle della cantante canadese Sass Jordan, con cui Taylor ha iniziato la sua carriera (dopo aver esordito nella band californiana Sylvia) prima di diventare il batterista di Alanis Morrissette: «Credo che Taylor fosse soprattutto stanco di tutto il circuito del rock’n’roll». L’ultima rivelazione riguarda la misteriosa cancellazione di una concerto dei Foo Fighters ad Abu Dhabi in occasione dell’ultimo gran premio del campionato di Formula 1, che secondo le dichiarazioni ufficiali della band è stato causato da «Situazioni mediche impreviste». In realtà, pare che Taylor Hawkins sia svenuto in aereo durante una tappa del volo a Chicago e sia stato trasportato in ospedale.

Secondo l'articolo di Rolling Stone la versione sarebbe stata confermata da Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers: «Mi ha raccontato che era disidratato ed è svenuto, niente di più. Però mi ha anche detto: non ce la faccio più». Anche Chad Smith, a seguito della pubblicazione dell'articolo, ha rilasciato una nota che cerca di chiarite il contesto delle dichiarazioni:

"Taylor era uno dei miei migliori amici e farei qualsiasi cosa per la sua famiglia. Rolling Stone mi ha chiesto di raccontare alcuni ricordi del nostro tempo trascorso insieme, ho pensato che ci sarebbe stato un amorevole tributo. Un ricordo che meritava. Invece la storia che hanno scritto è sensazionalistica e fuorviante, se l'avessi saputo non avrei mai accettato di partecipare. Chiedo scusa alla sua famiglia e ai suoi amici per il dolore che posso aver causato loro. Mi manca Taylor ogi giorno".

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Chad Smith (@chadsmithofficial)

Prima del ritorno sul palco a giugno, Taylor Hawkins aveva dichiarato a Rolling Stone che due anni di stop si facevano sentire: «Sono nervoso per il ritorno sul palco, mi è venuta un po’ di ansia. Molta, molta ansia». I rappresentanti dei Foo Fighters hanno dichiarato che non c’è mai stato un incontro ufficiale con Dave Grohl e che Taylor non ha mai fatto presente alla band di voler smettere di fare tour. Anche la famiglia di Taylor Hawkins non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Radio Rock 2K
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Guano Apes - Open Your Eyes
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock '90
 
ROCKSTAR: OASIS
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Classic Rock
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
webradio Virgin Radio Rock '70