John Belushi avrebbe dovuto essere in Ghostbusters: ecco come venne omaggiato nel film

Rock News

John Belushi avrebbe dovuto essere in Ghostbusters: ecco come venne omaggiato nel film

Dan Aykroyd: "Scrissi il film per John ma non riuscì a girarlo. Inserimmo ugualmente il suo spirito nella pellicola"

John Belushi e Dan Aykroyd sono sicuramente ricordati tra le più grandi coppie comiche del cinema americano e internazionale. Il loro più grande successo è sicuramente legato ai Blues Brothers: il 22 aprile 1978, durante una delle tre puntate condotte dal comico Steve Martin dello show più visto della televisione americana, il Saturday Night Live, Aykroyd e Belushi esordiscono nei panni dei dei fratelli Blues cantando in diretta Hey Bartender, un brano del 1955 di Floyd Dixon. Nascono così due personaggi destinati a diventare un fenomeno della cultura pop e della musica. Due anni dopo il regista John Landis trasforma lo sketch del SNL in un film, The Blues Brothers che esce il 20 giugno del 1980, guadagna 115 milioni di dollari (era costato 27,5 milioni, dieci in più del budget iniziale previsto) entra nella storia del cinema e contribuisce a rilanciare un intero genere musicale

Dopo il successo della pellicola Dan Aykroyd si mise al lavoro su un nuovo progetto, pensato appositamente per tornare in scena con il suo amico John Belushi: si tratta di Ghostbusters, il film del 1984 che divenne un vero e proprio punto di riferimento per la commedia e la cultura sci-fi degli anni '80. In un'intervista del 1996 al compianto Harold Ramis, attore del Saturday Night Live che nella pellicola interpretò Egon Spengler, ha raccontato che Aykroyd scrisse il film appositamente pensando a John Belushi: "Dan aveva scritto Ghostbusters per sé e per John!"

Ma una vita piena di eccessi e senza alcun freno porto Belushi verso un rapidissimo declino: l'attore e musicista trovò la morte tragicamente il 5 marzo 1982 all'interno dello Chateau Marmont di Los Angeles a causa di un'overdose. 

L'intera Hollywood, ma soprattutto lo stesso Dan Aykroyd, rimasero sconvolti dall'improvvisa morte di uno dei più talentuosi e irriverenti protagonisti del cinema comico di quegli anni. L'attore che diede vita ad Elwood Blues, al lavoro sul suo nuovo film, cercò ugualmente di inserire in qualche modo il "fantasma" di Belushi all'interno del film: originariamente Belushi avrebbe dovuto interpretare il ruolo di Peter Venkman, che alla fine venne dato a Bill Murray (anche Eddie Murphy avrebbe dovuto essere nel cast).

Steve Johnson, il designer degli effetti speciali del film, riuscì ad accontentare il volere di Dan Aykroyd pensando ad un personaggio direttamente ispirato a Belushi, "Slimer": "Fu l'esperienza più orrenda e fastidiosa che abbia mai avuto lavorando con direttori artistici, produttori e registi. All'inizio, mi chiesero un "sorriso con le braccia": dagli il 13% in più di pathos, mettigli le orecchie, togligli le orecchie, meno pathos, più pathos, allargagli il naso, ora il suo naso è troppo grande, rendilo più piccolo. Rendilo più cartoonesco, rendilo meno cartoonesco.' Mi sono quasi tagliato la testa durante quel processo". Johnson ha raccontato di aver pensato a Belushi durante un momento di vero ecesso e follia: "Recuperai una una pila di foto di John Belushi, ci versai sopra della cocaina e iniziai a dividerla in linee. Fu in quei momento che il fantasma di Belushi arrivò a dami l'ispirazione per il film, e a dirmi di smettere di drogarmi". 

Il desiderio di includere Belushi nel film come "Slimer" arrivò direttamente Ramis e Aykroyd: "La sera prima dell'approvazione del personaggio ricevetti una nota che diceva 'Deve assomigliare a John Belushi'. Harold e Dan decisero che sarebbe stato un modo per averlo nel film come un fantasma sciatto e fastidioso, esattamente come il personaggio di Bluto interpretato in Animal House".

"È solo un sorriso con le braccia, come farò a farlo sembrare John Belushi?" ha aggiunto Steve Johnson. Ma il risultato fu incredibile, il personaggio entrò immediatamente nei cuori di tutti i fan del film e la somiglianza con Belushi, trattandosi di un film sui fantasmi, fu un modo per Dan Aykroyd e il cast del film di rendere omaggio al grande amico scomparso.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

webradio Virgin Radio Rock '70
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: OASIS
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Rock '90
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
Virgin Radio Classic Rock