Courtney Love si scaglia contro Dave Grohl per i diritti sui Nirvana e accusa Trent Reznor di abusi. Lo sfogo sui social (poi cancellato)

Rock News

Courtney Love si scaglia contro Dave Grohl per i diritti sui Nirvana e accusa Trent Reznor di abusi. Lo sfogo sui social (poi cancellato)

La leader delle Hole e vedova di Kurt Cobain ha attaccato duramente Grohl, definendolo falso, e Reznor accusato di essere "un mostro"

Courtney Love contro tutti.

Alla cantante delle Hole e icona del grunge è bastato un post su Instagram subito cancellato ma diventato virale (e riportato dai principali magazine online come NME), per scatenare polemiche. Dalla sua nuova casa di Londra dove aspetta di tornare alla musica (anche se recentemente ha negato di voler fare una riunione delle Hole) Courtney Love ha attaccato Dave Grohl sulla questione dei diritti d’autore dei Nirvana e soprattutto Trent Reznor su un tema molto delicato come il #MeToo.

Secondo Courtney Love Dave Grohl è stato molto abile a costruirsi una falsa reputazione come «la persona più amabile del rock». «Tre mesi prima di lasciare Los Angeles ho firmato un documento che assegna a Dave e Krist (Novoselic) i soldi dei miei discendenti in eterno. Ero disperata, ero stufa di lui è ho firmato. Ma è una bugia e ora voglio ritirare la mia firma».

Dopo anni di dispute legali sull’eredità dei Nirvana, Courtney Love sembrava aver recuperato il rapporto con Dave GrohlCi parliamo e andiamo d’accordo» ha detto nel 2015) ma adesso le cose sembrano cambiate all’improvviso: «Dave ha rivolto contro di me il caos e la rabbia per la morte di Kurt, e intanto si è arricchito e continua ad arricchirsi da 27 anni alle spalle della bontà d’animo di Kurt. Ne ho abbastanza».

Per quanto riguarda Trent Reznor, invece, Courtney Love ha lanciato accuse molto pesanti, dicendo di aver assistito a molestie da parte sua e della sua crew a ragazze molto giovani durante un tour delle Hole con i Nine Inch Nails: «Trent è un talento ma rimane un mostro. Noi delle Hole lo abbiamo visto con i nostri occhi».

Nel suo lungo post, prima di prendersela con Dave Grohl e Trent Reznor, Courtney Love aveva fatto una riflessione provocatoria sul tema del #MeToo e in generale della prevaricazione nei confronti delle donne sul lavoro e dal punto di vista finanziario. «Quando a Sharon Stone è stato chiesto se era mai stata molestata sul lavoro è scoppiata a ridere» ha scritto Courtney, «Io ho perso il conto delle aggressioni che ho subito, sono stata messa a tacere, ho dovuto interrompere azioni legali legittime, tutto a causa del privilegio maschile e della sua malvagità».

Nel corso della sua carriera dagli anni ’90 ad oggi, tra musica e cinema Courtney Love ha fatto di tutto per portare l’iconografia della donna rock ad un livello più estremo di provocazione. Con l’album più famoso delle Hole ha creato il concetto di Celebrity Skin, una rockstar che usa la bellezza come strumento e come nemico nella civiltà dell’immagine, sfidando le regole del music business e le convenzioni sociali in puro spirito punk rock, vivendo in modo libero e incontrollabile, ma sempre sotto i riflettori, esposta al giudizio di tutti. Il suicidio di Kurt Cobain le è caduto addosso con tutte le sue contraddizioni, le domande e le polemiche su quello che avrebbe potuto essere fatto per salvarlo e l’ha trascinata ancora di più al centro dell’attenzione morbosa del pubblico.

«Non ce la faccio più ad essere il capro espiatorio di tutto da 27 anni. Sono stata accusata di qualsiasi cosa: di respirare, della morte di mio marito, della mia sessualità considerata eccessiva, delle mie dipendenze, di essere una donna» ha scritto nel post «Spero che provare a fermare tutte queste persone possa aiutare altre donne (e uomini) a non subire in futuro un livello così devastante di abusi personali, sessuali, spirituali ed economici».

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: BON JOVI
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Rock '80
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Rock '90
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Rock 2K
 
ROCKSTAR: OASIS