Coronavirus, cancellato il Festival di Glastonbury del cinquantesimo anniversario

Rock News

Coronavirus, cancellato il Festival di Glastonbury del cinquantesimo anniversario

Uno dei più famosi festival al mondo, che quest'anno avrebbe festeggiato la cinquantesima edizione, è stato cancellato

A causa del Coronavirus numerosi concerti sono già stati cancellati e oggi è arrivata la triste notizia dell’annullamento del Festival di Glastonbury che si tiene in estate a Pilton, a circa 10 chilometri dalla città di Glastonbury, nel Somerset, in Inghilterra.

Quest’anno, tra l’altro, il celebre festival avrebbe festeggiato il 50esimo anniversario dalla prima edizione, tenutasi nel 1970. L’evento era previsto dal 24 al 28 giugno e sul palco erano attesi grandi artisti, tra i quali anche Paul McCartney, Thom Yorke, Skunk Anansie ed Editors. A rendere nota la cancellazione della manifestazione sono stati gli stessi organizzatori Michael ed Emily, tramite un comunicato pubblicato sul sito ufficiale nel quale spiegano che, viste le misure adottate dal Governo britannico per cercare di contenere la diffusione del Covid-19 e vista la situazione di estrema incertezza circa quanto accadrà in futuro, per loro questa era l’unica decisione possibile.

Il problema, infatti, non è solo il fatto di non poter sapere oggi se a giugno il virus sarà stato sconfitto e se sarà possibile organizzare eventi di questa portata, ma anche l’impossibilità di iniziare i lavori per costruire e preparare il luogo affinché tutto sia perfetto per ospitare il festival. “Speriamo – si legge nel comunicato – che la situazione nel Regno Unito sarà enormemente migliorata per la fine di giugno. Ma anche se così fosse, non siamo più in grado di organizzare l’evento nei prossimi tre mesi con migliaia di persone dello staff presenti qui sul luogo, per aiutarci con l’enorme lavoro di costruzione delle infrastrutture e delle attrazioni necessarie per accogliere più di 200mila persone in quella che avrebbe dovuto essere una sorta di città temporanea qui, su questi campi”.

Chi ha già acquistato i biglietti in prevendita avrà due opzioni, ossia chiedere il rimborso, oppure mantenere l’acconto per il Festival dell’anno prossimo. “Porgiamo le nostre scuse più sincere alle 135mila persone che hanno già pagato un acconto per i biglietti – si legge ancora nel comunicato – il saldo era previsto a inizio aprile e prima di allora vogliamo prendere una ferma decisione. Comprendiamo che non è sempre facile assicurarsi un biglietto per Glastonbury, ecco perché vorremmo offrire a tutte queste persone che avevano preordinato i biglietti di mantenere il loro acconto di 50 sterline come deposito per l’anno prossimo, garantendo loro l’opportunità di comprare un ingresso per Glastonbury 2021. Le persone che, al contrario, preferiscono avere un rimborso – prosegue la nota – potranno richiederlo presso See Tickets nei prossimi giorni e fino a settembre. Chi deciderà di mantenere l’acconto non dovrà fare nulla perché il biglietto resterà automaticamente prenotato per l’anno prossimo”.

La cancellazione del Festival comporta una grave perdita per tutte le persone che ci stavano lavorando da tempo: “L’annullamento dell’evento senza dubbio sarà un duro colpo per tutto il nostro incredibile staff – hanno scritto gli organizzatori – e per i volontari che lavorano sodo per far sì che questo evento abbia luogo. Inevitabilmente ci saranno anche pesanti ripercussioni a livello finanziario, non solo per noi, ma anche per gli enti di beneficenza nostri partner, per i fornitori, i commercianti e tutti gli esercizi locali, nonché per la nostra comunità”.

Purtroppo, però, la cancellazione è l’unica via percorribile in questo momento: “Non vediamo l’ora di accogliervi tutti per il nostro 50esimo anniversario con una line-up di artisti fantastici che siamo fieri di aver ingaggiato – si conclude la nota – vi chiediamo di nuovo scusa per questa decisione che non dipende da noi. Ma speriamo di potervi accogliere di nuovo in questo luogo il prossimo anno e, fino ad allora, esprimiamo il nostro affetto e la nostra solidarietà a tutti voi”.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio On-Air
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
The Go-Go's - We Got The Beat
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock 2K
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Rock Party