Greta Van Fleet: per Sam Kiszka essere un musicista rappresenta l'estremo, può essere fantastico e orribile

Rock News

Greta Van Fleet, Sam Kiszka: "Essere un musicista può essere fantastico e orribile"

“La cosa più gratificante in un live è vedere i fan reagire alla musica e creare atmosfera”, ha dichiarato il bassista

Il bassista dei Greta Van Fleet, Sam Kiszka, in una recente intervista per il giornale australiano Heavy Magazine, ha commentato la rapida ascesa della band, fondata nel 2012 con i fratelli Josh e Jake e con Kyle Hauck, (poi sostituito alla batteria da Danny Wagner) e paragonata spesso ai Led Zeppelin.

"Essere un musicista può essere fantastico e orribile, perché a volte sei esausto. L'ultima cosa che vuoi fare è salire su un altro aereo. Vuoi solo dormire, ma essere un musicista significa che puoi andare in tutto il mondo e portare la tua musica con te. Puoi visitare tutti i continenti e assaporarne ogni singola cultura. L’opportunità di viaggiare è la più grande benedizione che si possa ricevere. È sorprendente poter andare in giro, senza vivere da nessuna parte", ha dichiarato. E sull’essere un musicista, il bassista ha continuato: “La cosa più gratificante in un live è vedere i fan reagire alla musica e creare atmosfera, interagendo con noi, che rispondiamo alla loro energia. A differenza del lavoro in studio invece trovo surreale il modo in cui si ottiene quella magia nella registrazione: c’è qualcosa che si trasferisce dal nastro agli altoparlanti e alle idee. Penso siano le cose più gratificanti di questa vita".

Per Kiszka i premi sono importanti, ma non sono una priorità, almeno a quanto ha dichiarato sui Grammy Awards, dove quest’anno il gruppo si è aggiudicato il premio per il Best Rock Album, con l’EP “From the Fires”: "Forse siamo solo desensibilizzati, ma ritengo sia come un altro giorno in ufficio. È sicuramente un onore essere lì, perché penso che un Grammy Award, in particolare, sia un premio che ti fa sapere di aver fatto qualcosa di importante nel mondo della musica. Penso sia questo il suo scopo. Tuttavia – ha proseguito il musicista - preferirei sapere che un collega musicista o qualcuno che ha bisogno di un po' di speranza per sopravvivere apprezzasse una canzone. Penso che questa sia la cosa più importante alla fine della giornata. Quello che voglio dire, è che i premi non sono così prestigiosi come molti pensano. Fare musica significa fare la differenza nella vita di qualcuno per responsabilizzare le persone e portare grandi questioni al centro della scena e accendere i riflettori su di esse".

Sui progetti futuri, infine, il bassista non ha dubbi: “Sicuramente trascorreremo il resto dell’anno in studio per lavorare al prossimo album, registrando musica e magari scrivendo qualcosa di nuovo".

Foto

Video

Concorsi

Virgin Radio Life

WEBRADIO tutte

webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Rock Hits
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Classic Rock
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock Party