Smashing Pumpkins, il significato nascosto di "1979": ecco perché la band scelse quell'anno come titolo del brano

Rock News

Smashing Pumpkins, il significato nascosto di "1979": ecco perché la band scelse quell'anno come titolo del brano

Il brano fa parte dell’album Mellon Collie And The Infinite Sadness

Sono passati ormai 25 anni dalla pubblicazione di Mellon Collie And The Infinite Sadness, uno degli album più belli e amati degli Smashing Pumpkins. Questo disco è uscito il 23 ottobre del 1995 e contiene canzoni meravigliose, come ad esempio Bullet With Butterfly Wings, Tonight Tonight, Thirty-Tree e poi la famosissima 1979. Quest'ultimo brano, in particolare, attirò l’attenzione anche perché era molto diverso dal classico stile della band di Billy Corgan: divenne un pezzo cult di quegli anni, anche grazie al bellissimo video che fu realizzato per l’occasione.

Non tutti sanno, però, il motivo per il quale gli Smashing Pumpkins scelsero proprio l’anno 1979 come titolo di questa canzone. Il brano uscì il 23 gennaio del 1996 come secondo singolo estratto da Mellon Collie: fu composto da Billy Corgan che, nel 1979, aveva 12 anni. Per il frontman, nato il 17 marzo del 1967, quell’anno fu significativo perché, secondo lui, segnò il suo passaggio dall’infanzia all’adolescenza. E a quel momento cruciale della sua vita è dunque dedicato questo brano intriso di nostalgia. Il video, diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, racconta proprio la storia di un gruppo di adolescenti che vivono in periferia e vanno in giro a bordo di una Dodge Charger. Le immagini di questi ragazzi sono alternate a quelle della band che esegue il brano.

Billy Corgan fu molto contento del video in questione e spiegò che i registi lo avevano realizzato proprio come lui voleva. I fan e la critica apprezzarono la clip allo stesso modo: non a caso, l’iconico brano nel 1996 vinse due Grammy come Miglior canzone dell’anno e Miglior performance rock, e poi anche un premio agli MTV Video Music Awards come Miglior video alternativo.

L’intento di Billy Corgan quando scrisse questo pezzo era proprio quello di comporre un’ode all’adolescenza che potesse resistere alla prova del tempo. Ancora oggi tanti fan, pur appartenendo a generazioni diverse, sono profondamente legati a questo brano in cui si rispecchiano, ripensando alla loro adolescenza: si può dire, dunque, che il frontman sia davvero riuscito a raggiungere il suo scopo.

 

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock 2K
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Nandi Bushell ha realizzato la la drum cover di We Are The Champions dei Queen. Guarda il video
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD