Jimi Hendrix, il racconto dell’ultimo live della leggenda del rock

Rock News

La storia dell'ultima esibizione di Jimi Hendrix (insieme a Eric Burdon degli Animals)!

Il grande chitarrista si esibì in una jam session a Londra due giorni prima della sua prematura scomparsa.

Jimi Hendrix è considerato da molti come il più grande chitarrista di tutti i tempi: di certo, è un musicista che, pur morendo giovane dopo una carriera piuttosto breve, ha lasciato il segno, scrivendo una pagina indimenticabile della storia della musica. Questo artista è una vera leggenda e ancora oggi sono in tanti a ispirarsi a lui.

Hendrix arrivò a Londra nel 1966 e ben presto si fece un nome sulla scena musicale dell’epoca: con il suo modo rivoluzionario di suonare divenne subito famoso e in seguito con la sua band iniziò a suonare nei grandi festival, diventando un fenomeno globale grazie al suo indiscutibile genio.

Purtroppo, però, morì prematuramente nel 1970, appena pochi giorni dopo la sua ultima esibizione dal vivo. Il suo ultimo live fu insieme all’ex frontman degli Animals, Eric Burdon: in quei giorni il cantante aveva organizzato una residency in un famoso locale di Soho con la sua nuova band, i War. Hendrix e Burdon ricominciarono a frequentarsi e fu così che il frontman invitò il chitarrista a suonare con lui e il suo nuovo gruppo nella serata del 15 settembre.

In quel periodo Hendrix faceva grande uso di sostanze stupefacenti; la sua dipendenza era giunta al culmine e lui aveva ormai perso il controllo: Burdon in seguito raccontò che quella sera il musicista non era nelle condizioni di suonare. “Aveva la sua chitarra con sé – dichiarò il cantante come riporta Far Out Magazine – ma vacillava troppo per suonare, così gli dissi di tornare la sera seguente”.

La sera del 16 settembre Hendrix tornò al locale e stava meglio rispetto al giorno prima: riuscì a suonare facendo una breve apparizione nella seconda parte del concerto. “Presentai Jimi agli spettatori – ha scritto Burdon nella sua autobiografia dal titolo Don’t Let Me Be Misunderstood – il tipico pubblico jazz di Londra provò a mostrare indifferenza mentre lui saliva sul palco, ma poi un breve applauso accolse il più grande chitarrista del mondo”.

I War e Jimi Hendrix suonarono insieme una cover che la band inserì nel disco d’esordio, ossia Mother Earth dei Memphis Slim; in seguito, il chitarrista eseguì una cover di Tobacco Road di John D. Loudermilk. Burdon raccontò che l’amico sembrava “volare” durante la sua esibizione e che il chitarrista dei War, Howard Scott, quella sera “suonò come non aveva mai fatto mai prima”, perché evidentemente avere accanto Hendrix lo ispirò a fare meglio.

Dopo lo show, Jimi e la sua fidanzata Monika Dannemann andarono a mangiare qualcosa allo Speakeasy, per poi tornare al Samarkand Hotel, dove la ragazza viveva. Meno di 48 ore dopo, nella notte del 18 settembre, Monika trovò Hendrix privo di sensi: la leggenda del rock fu poi dichiarato morto soffocato con il suo stesso vomito, causato da un’overdose di pillole per dormire.

Quest’anno ricorre il triste anniversario dei 50 anni dalla sua morte: nonostante sia passato così tanto tempo, il suo ricordo è ancora vivo e il suo incredibile talento continua a incantare tutti, oggi come allora.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Radio Rock '80
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
webradio Virgin Radio Rock '70