Guns N’ Roses, Slash rivela: “L’ingresso di Zakk Wylde nella band negli anni ’90? Fu una mossa disperata che infatti non funzionò”

Rock News

Guns N’ Roses, Slash rivela: “L’ingresso di Zakk Wylde nella band negli anni ’90? Fu una mossa disperata che infatti non funzionò”

Il chitarrista rivela alcuni retroscena del breve periodo in cui il fondatore dei Black Label Society provò con i Guns

A metà degli anni ’90, subito dopo aver concluso la sua collaborazione con Ozzy Osbourne per il suo settimo album intitolato Ozzmosis, il chitarrista Zakk Wylde fu invitato dai Guns N’ Roses a unirsi a loro per una jam session. Quell’incontro, però, non portò a nulla di concreto per Axl Rose e compagni; fu fruttuoso, forse, solo per lo stesso Zakk, considerando che poi scrisse il materiale per il gruppo da lui fondato in seguito, i Black Label Society.

Slash è tornato a parlare di quell’episodio durante un’intervista per Meltdown, raccontando particolari inediti di quanto accadde allora: “Appena prima che io lasciai la band, i Guns N’ Roses stavano facendo le prove in questo posto chiamato The Complex che si trovava a Santa Monica, in California. Fu lì che Zakk ci raggiunse – ha raccontato – sono sempre stato suo amico, ma in quel contesto con i Guns, mi è sembrata una cosa strana che lui fosse lì. Abbiamo suonato per un po’ ma la cosa semplicemente non funzionava, non per colpa di Zakk. Poco dopo io me ne andai”. 

A differenza del compagno, Axl Rose apprezzò molto l’intervento di Zakk e il suo contributo lo definì addirittura come “un serpente a due teste”, perché insieme a Slash formavano una coppia di chitarristi “davvero bravi e che riuscivano a suonare bene insieme”. Slash, però, non è del tutto d’accordo con quanto pensava il frontman dei Guns: “Lo sapete come vanno queste cose, penso che questa sia stata una di quelle mosse disperate in un momento in cui c’era bisogno che accadesse qualcosa – ha spiegato il chitarrista – è stata semplicemente un’idea folle che si è concretizzata. Io penso che sarebbe stato un po’ esagerato se io e Zakk fossimo rimasti entrambi, per quanto potesse essere bello”.

Paradossalmente, Zakk Wylde in fin dei conti non ha un’opinione molto diversa da Slash di quella sua breve esperienza con i Guns. Lo scorso aprile, in un’intervista per Eon Music, ha rievocato anche lui quella collaborazione, spiegando che in quel periodo i Guns stavano valutando l'ipotesi di aggiungere alla formazione un altro chitarrista e così hanno pensato a lui, ma senza impegno, solo per provare a vedere cosa ne sarebbe potuto uscire fuori: “Mi hanno chiamato e sono andato solo per fare una jam con i ragazzi – ha raccontato Zakk – non era nemmeno un’audizione giunti a quel punto. Jimmy Page non farebbe di certo un provino per i Rolling Stones, in caso gli direbbero semplicemente ‘Jimmy, vuoi venire a fare una jam con noi?’, ‘Sì, ok, nessun problema’. Quindi non eravamo altro che un gruppo di clown che si sono riuniti per fare una jam session”.

Abbiamo suonato un po’ di cose – ha continuato Zakk – ma con i ragazzi sembrava non muoversi nulla. Quando sono arrivato io c’erano tutti, Slash, Axl, Duff, Matt e Dizzy. Abbiamo registrato demo e altra roba nello studio a casa di Duff. Abbiamo creato un po’ di riff e cose del genere, ma le cose non procedevano – ha sottolineato – la band era come in una sorta di limbo, stava ferma lì e io ho pensato ‘Ho un’enorme conto aperto per gli alcolici, devo pagare questo debito’, così ho detto loro ‘Ragazzi, io devo tornare a lavoro, fatemi sapere come vanno le cose’”. Stando al racconto dello stesso Zakk Wylde, dunque, forse Slash non ha tutti i torti a definire la decisione di Axl di chiamarlo come una “mossa disperata” per provare a tenere in piedi una situazione che era già in evidente crisi.

Ma questo ormai è il passato: i Guns N’ Roses adesso guardano avanti e, stando alle ultime notizie, starebbero già lavorando a un nuovo album al quale potrebbe seguire un grande tour.

Foto

Video

Concorsi

Virgin Radio Life

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Rock Hits
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Rock Party
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Classic Rock
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Hard Rock