Virgin Radio Italy

WEBRADIO

Virgin Radio Hard Rock
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
webradio Radio Bau
 
webradio Music Star Ligabue
 
webradio Music Star Vasco
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Rock Hits
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio On-Air
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock Party
 

La musica più aggressiva aiuta il relax: lo dimostra una ricerca!

I ricercatori dell'Università del Queensland hanno concluso che brani con testi molto aggressivi aiutano a rilassarsi

Slipknot al lavoro sul nuovo album

Le canzoni con testi aggressivi possono aiutare a sentirsi più felici più felici. Alcuni ricercatori universitari in Australia sono arrivati alla conclusione che brani come Opium of the People degli Slipknot possono favorire il rilassamento. Lo studio è stato portato avanti da Leah Sharman e Genevieve Dingle, dottori in psicologia all'University of Queensland, che hanno deliberatamente alterato lo stato d'animo di alcuni soggetti provando a fargli ricordare momenti frustranti o irritanti della loro vita. Poi gli è stata data la possibilità di ascoltare 10 minuti di musica a loro scelta o di passare lo stesso tempo in silenzio.

RISULTATI SBALORDITIVI
Il risultato ha dimostrato che quelli che hanno scelto la musica heavy metal sono diventati molto più sciolti e ispirati dopo la sessione di ascolto. "E' interessante vedere che la metà delle canzoni scelte contiene temi legati alla rabbia o all'aggressione mentre le altre contenevano temi legati alla solitudine ed alla tristezza. Quello che abbiamo scoperto è che la musica dai contenuti più forti aiuta le persona ad autoregolare i loro sentimenti verso uno stato d'animo più rilassato". I soggetti interessati andavano da un'età dai 13 ai 34 anni e tra i gruppi scelti per il rilassamento ci sono i Megadeth, i Rage Against the Machine, i Danzig, i Soulfly e gli Slipknot

Virgin Radio Consiglia

Motorshow: il video con l'intervista ai Daboot
 
Rolling stones
 
Placebo parte 1
 

Seguici su Facebook