Bohemian Rhapsody, la biografa di Freddie si scaglia contro il film: «Sognava solo normalità e anonimato»

Rock News

Bohemian Rhapsody, la biografa di Freddie si scaglia contro il film: «Sognava solo normalità e anonimato»

Secondo Lesley-Ann Jones "la vita e la personalità di Freddie erano troppo complesse per un film di due ore appena"

«Freddie Mercury si sentiva imprigionato dalla fama». Tutto quello che desiderava erano «anonimato e normalità». A dirlo è una persona che conosceva bene il frontman dei Queen, Lesley-Ann Jones, la biografa di Mercury, che è stata anche tra i consulenti per le prime bozze della sceneggiatura del suo biopic, in uscita questo weekend. A Jones, però, Bohemian Rhapsody non è affatto piaciuto: «È un superficiale assemblaggio di istantanee», ha spiegato. «La sua vita e la sua personalità erano troppo complesse per un film di due ore appena».

Lesley-Ann Jones racconta di un Freddie Mercury diverso dalla sua iconografia ufficiale. «Era un uomo incredibilmente timido. Nel corso degli anni sono andata in tour con i Queen, era molto aperto nel raccontare come la fama e la fortuna lo avessero spinto a fare troppi compromessi e in alcuni casi addirittura lo avessero rovinato». Il suo ricordo preferito di Freddie era stare seduti insieme alle rive del lago di Ginevra a Montreux: «Mi disse che voleva essere seppellito lì senza fanfare una volta morto. Sapeva che il suo tempo era limitato, mi disse: "Quando me ne vado buttatemi in questo lago"».

Foto

Video

Concorsi

Virgin Radio Life

WEBRADIO tutte

Virgin Radio Classic Rock
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock '90
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
webradio Radio Bau
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Rock Party