Pearl Jam, la tribute band minacciata legalmente dal gruppo di Seattle ha deciso di cambiare nome: ora sono i “Legal Jam”

Rock News

Pearl Jam, la tribute band minacciata legalmente dal gruppo di Seattle ha deciso di cambiare nome: ora sono i “Legal Jam”

Dopo aver ricevuto una lettera di diffida da parte del gruppo americano e aver scatenato una grande polemica online, i musicisti inglesi si sono arresi

In questi giorni sui social si è molto discusso a proposito di una tribute band dei Pearl Jam con sede a Londra. Il gruppo dei giovani musicisti inglesi è sulla scena dal 2016 e ha un discreto numero di followers online: si fanno chiamare “Pearl Jamm” ed è proprio per questo che nei giorni scorsi hanno ricevuto una lettera di diffida da parte dei legali di Eddie Vedder e compagni, i quali sostengono che i giovani artisti stiano danneggiando il brand della band. Così nella missiva è stato chiesto loro di cambiare nome, di cancellare il sito e gli account social con quel nome e di distruggere il merchandising, pena un’azione legale vera e propria.

La storia è stata resa nota dalla BBC con un’intervista ai musicisti londinesi, i quali hanno dichiarato che, durante i loro anni di attività, nessuno li ha mai scambiati per i veri Pearl Jam e per questo sono convinti di non aver mai danneggiato l’immagine del gruppo. In un primo momento, la cover band ha reagito male di fronte a questa richiesta e ha deciso di rispondere con una lettera piena di rabbia pubblicata online. Nel loro messaggio i giovani si sono chiesti se i Pearl Jam fossero a conoscenza di questa richiesta oppure se il loro staff l’abbia inviata a loro insaputa; inoltre, hanno accusato i rockers di non essere più gli stessi e di averli colpiti nel momento peggiore, ossia durante la pandemia, quando in realtà sapevano già da tempo dell’esistenza del loro gruppo, o almeno questo è ciò che sostengono loro. Nella lettera, alla fine, i giovani hanno anche chiesto alla band americana di rispondere pubblicamente o privatamente al loro messaggio e di annullare la diffida, ribadendo di non aver mai danneggiato il brand Pearl Jam con la loro attività musicale.

Sebbene i Pearl Jamm abbiano ricevuto il sostegno dei loro followers, la vicenda che li vede come protagonisti ha scatenato un vero e proprio putiferio sui social: i fan dei veri Pearl Jam, infatti, li hanno duramente criticati, schierandosi dalla parte del gruppo di Seattle. Alla fine, dunque, i musicisti inglesi si sono arresi e hanno annunciato che cambieranno nome.

Sembra proprio che abbiamo incendiato la rete questa settimana – hanno scritto i componenti della tribute band in un nuovo post su Facebook – adesso è arrivato il momento di spegnere le fiamme. Un nome non definisce chi siamo. Noi facciamo ciò che facciamo con amore e rispetto per i Pearl Jam. Siamo stati chiari sin da subito sul fatto che avremmo ceduto (in questa frase hanno usato volutamente la parola Yield, che è il titolo del quinto album dei PJ ndr) alle richieste dei Pearl Jam. Allo stesso modo, siamo stati chiari sul fatto che la nostra delusione fosse dovuta unicamente ai tempi e alle maniere con le quali queste richieste sono state avanzate”.

Siamo orgogliosi di annunciare il nostro nuovo nome – prosegue il messaggio – ci chiameremo ‘Legal Jam’, un nome che pensiamo sia adatto e che utilizzeremo per continuare a suonare la musica dei Pearl Jam nel modo più sentito e autentico possibile. Non appena potremo tornare a esibirci, non vediamo l’ora di rientrare in contatto con i nostri fan (così come le altre tribute band) che ci hanno sostenuto in questa vicenda e di dare il benvenuto ai nuovi fan che si sono uniti a noi in quest’ultima settimana. Con amore, Santi, Richard, Matt, Tim ed Andy, i ‘Legal Jam’ (prima noti come Pearl Jamm)”. Nonostante la delusione per il comportamento dei loro beniamini, l’amore per la loro musica ha prevalso e i musicisti inglesi hanno deciso saggiamente di evitare una disputa legale, lasciarsi alle spalle le polemiche e di tornare a esibirsi con il loro nuovo nome, non appena l’emergenza sanitaria finirà.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Classic Rock
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock '80
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock Party
 
Nandi Bushell ha realizzato la la drum cover di We Are The Champions dei Queen. Guarda il video
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES