Queen: come la band è riuscita a proseguire dopo la scomparsa di Freddie Mercury

Rock News

Queen: come la band è riuscita a proseguire dopo la scomparsa di Freddie Mercury

Dopo il 24 novembre 1991, niente fu come prima. Come la band è riuscita a superare la tragica scomparsa del suo leader

Sono passati 28 anni. Era il 24 novembre del 1991 e Freddie Mercury lasciava per sempre questo mondo terreno. Da quel giorno per i Queen niente fu come prima. Cosa avrebbero fatto ora? Come avrebbero superato questo momento di dolore? 

Soffrivano tantissimo per la perdita di un amico in primis e di un artista con il quale avevano conquistato il mondo. Tuttavia, non c'erano dubbi, certamente non nella mente di Brian May Roger Taylor: "The Show must go on". Nel 1987, come tutti noi sappiamo, fu diagnosticato l'HIV a Mercury, sebbene non abbia mai parlato nel dettaglio ai suoi compagni della sua malattia. Piano piano il frontman diventava sempre più debole, e a tutti fu chiaro che non ce l'avrebbe fatta. 

È così che negli anni '90, l'iconico frontman stava perdendo la sua forza fisica. Mentre stavano girando il video di "These Are the Days of Our Lives", pezzo contenuto nell'album "Innuendo", Freddie non ce la faceva a camminare. In quel momento fu chiaro a tutti che non si sarebbe più ripreso. 

"Era una cosa molto privata per lui", ha detto May in un'intervista televisiva una settimana dopo la morte del cantante. Il chitarrista ha aggiunto, inoltre, che i Queen non sapevano con certezza da quanto tempo fosse malato. "Immagino che sapessimo intuitivamente che stava succedendo qualcosa, ma di cui non si parlava. Non ce l'ha detto ufficialmente fino a pochi mesi prima. Ma certamente lo sapeva da almeno cinque anni, quindi ha vissuto nell'ombra per molto, molto tempo". 

Non aveva detto niente neanche ai suoi fan. Annunciò la sua malattia in una nota stampa 24 ore prima di morire, e queste furono le sue parole: "Desidero confermare che sono risultato positivo al virus dell'HIV e di aver contratto l'AIDS. [...] È arrivato il momento che i miei amici e i miei fan in tutto il mondo conoscano la verità e spero che tutti si uniranno a me, ai dottori che mi seguono e a quelli del mondo intero nella lotta contro questa terribile malattia".

May ha poi aggiunto: "Voleva fare le cose a modo suo, e noi lo abbiamo rispettato. Avrebbe gestito la propria vita, e certamente il suo atteggiamento nei confronti della sofferenza verso la fine erano affari suoi. Quindi, in un certo senso, siamo rimasti imbavagliati, il che è stato difficile per noi. Ti ritrovi anche a non essere in grado di parlarne con gli amici".

Taylor ha aggiunto: "L'unica cosa che voleva fare era continuare a lavorare in studio. Era assolutamente determinato a far andare avanti band, e questo in realtà ha fatto andare avanti lui per molto tempo".

"These Are the Days of Our Lives" è stato realizzato in bianco e nero, al fine di mascherare la sua malattia. "È stato difficile davvero, stavamo cercando di supportarlo", ha detto Taylor. "Era incredibilmente coraggioso. Ovviamente lo sapeva, e lo sapevamo tutti in quel momento. Ma la cosa migliore era solo una, andare avanti".

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Rock Hits
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Classic Rock
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock Party
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Hard Rock