The Black Keys, Dan Auerbach: “Ecco perché non voglio essere troppo bravo a suonare la chitarra”

Rock News

The Black Keys, Dan Auerbach: “Ecco perché non voglio essere troppo bravo a suonare la chitarra”

Troppa tecnica, secondo il musicista potrebbe interferire sul genio artistico

In una recente intervista Dan Auerbach – storico chitarrista, nonché voce, dei Black Keys – ha rivelato qualcosa di molto strano. Ha spiegato, infatti, perché non vuole essere “troppo bravo” a suonare la chitarra.

Dan ha dichiarato che in lui c’è sempre stata questa dicotomia, tra fare bene una cosa e non volerla fare al meglio però. Questo perché vuole mantenere un senso libertà, di abbandono nella sua musica. “Devi lasciarti andare”, ha detto il musicista. “Amo le persone come Lightnin' Hopkins e Link Wray, ma capisco anche che se a uno dei due fosse stata insegnata una qualche teoria musicale, probabilmente avrebbero fo****o tutto il loro sound”.

E poi ha continuato: “Quanto vuoi davvero sapere? Cosa stai cercando di realizzare nella tua vita? Vuoi diventare un insegnante di jazz? I miei eroi sono sempre state persone semplici. In un certo senso, sono lontano da quel genere di cose. Sono felice di usare solo le mie orecchie”. 

Il chitarrista dei Black Keys ha poi raccontato quale è stato il suo incontro con il blues. “Mio padre suonava sempre Robert Johnson e Son House quando ero piccolo, poi mio zio Tim, che suonava l’armonica, era un grandissimo appassionato di blues mi ha fatto conoscere Lightnin' Hopkins. E poi Frankie Lee Sims, Guitar Slim e tutti gli altri”.

Dan ha spiegato, inoltre, di come il suo primo “amore” sia stato Lightnin' Hopkins e questo ha fatto sì che la sua passione si concentrasse sul blues semplificato e spezzato. Ha ricordato di quando andava al liceo e di come quella musica fosse perfetta per la sua crescita artistica. “RL Burnside, Elmo Williams e Hezekiah Early, Paul Wine Jones, Robert Belfour, CeDell Davis, T-Model Ford. Era come se quelle vecchie registrazioni stessero prendendo vita proprio davanti ai miei occhi, in un momento davvero cruciale per me”.

Alla domanda quale chitarrista consiglieresti ai giovani, Dan Auerbach ha risposto: “Penso che tutti debbano percorrere il loro piccolo sentiero. Devi ascoltare la musica per te stesso. Credo che questo sia il punto in cui inizi a imparare, quando smetti di ascoltare quello che dicono gli altri e inizi a seguire il tuo intuito, il tuo naso. Questo è di fondamentale importanza quando stai imparando. Smetti di pensare alle etichette e alla classificazione degli accordi. Segui solo le cose che ti fanno sentire bene, che ti fanno sentire qualcosa”.

A giugno scorso è uscito il nono album in studio dei Black Keys, “Let’s Rock”. Questo nuovo lavoro ha rappresentato per il musicista un ritorno alla chitarra. “Non c’è una sola tastiera sul disco”, ha osservato Auerbach. “Walk Across the Water ha un suono synth, ma è incorporato nella drum machine che stavamo usando, quindi di fatto anche quello non era su una tastiera. Già, lo abbiamo fatto apposta, volevano fare un album rock’n’roll… ci siamo semplicemente spogliati e ci siamo avvicinati alla musica come abbiamo fatto molti anni fa con i primi dischi ascoltati. Solo noi due, sedendoci e vedendo quello che succedeva”.

Foto

Video

Concorsi

Virgin Radio Life

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Rock Hits
 
Nine Inch Nails - Dead Souls (The Crow Movie)
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Hard Rock