Ozzy Osbourne: "Ecco la canzone che vorrei fosse suonata al mio funerale!"

Rock News

Ozzy Osbourne: "Ecco la canzone che vorrei fosse suonata al mio funerale!"

Il Principe delle Tenebre: "non voglio un mio Greatest Hits e nemmeno una canzone allegra, tanto sono morto!"

«Non ho intenzione di ritirarmi» ha detto una volta Ozzy Osbourne, «La mia carriera finirà quando sentirò piantare dei chiodi sulla mia dannata bara». È una delle dichiarazioni più divertenti e provocatorie della leggende dell’heavy metal che ha giocato con l’immaginario della morte per tutta la carriera, ha annunciato il suo ultimo tour nel 1991 (chiamandolo No More Tours) ma non ha mai smesso di fare concerti, ha superato ogni problema di salute e di dipendenze ed è pronto a tornare con un nuovo album prodotto da Andrew Watt e pieno di ospiti (tra cui anche Eric Clapton e Jeff Beck) dopo aver detto al mondo che non vuole morire come «Un uomo normale» nell’ultimo album Ordinary Man lanciato dal singolo omonimo registrato insieme a Elton John.

In un’intervista però Ozzy Osbourne ha detto di aver immaginato spesso il suo funerale e di aver pensato anche alle canzoni che vorrebbe venissero suonate: «Di certo non voglio un mio Greatest Hits, sarebbe imbarazzante» ha detto, «E nemmeno una canzone allegra, tanto sono morto!».

La scelta cade allora sulla sua band preferita di tutti i tempi, i Beatles e su una delle canzoni più intense e perfette scritte da John Lennon, In My Life dall’album Rubber Soul del 1965: «John era un poeta, un ribelle e aveva una passione incredibile per la musica» ha detto Ozzy, «Non posso neanche descrivere come mi sono sentito quando ho saputo della sua morte nel 1980. Era come se il mondo si fosse fermato. Ma non si può dimenticare quanta gioia e quanta speranza abbia dato al mondo».

In My Life è secondo le parole di John Lennon «La mia prima vera canzone importante», un brano personale e riflessivo in cui ispirandosi al viaggio che faceva in autobus per attraversare Liverpool, Lennon ricorda la sua infanzia e racconta la sua vita (si dice in risposta ad un commento del giornalista inglese Kenenth Allsop che gli aveva suggerito di parlare di sé stesso nelle canzoni), la sua famiglia e gli amici (tra cui Stuart Sutcliff primo membro dei Beatles morto nel 1962), si ispira a Smokey Robinson e al soul e scrive una delle melodie più belle di tutti i tempi, con un testo emozionante: «So che no perderò mai l’affetto per le cose del passato e le persone che ci sono state prima. So che spesso mi fermerò a pensare a tutti, e nel corso della mia vita vi amerò di più».

Ozzy Osbourne ha detto di aver scelto questa canzone per il suo funerale per essere sicuro che «Tutti piangano» e  ha anche ricordato l’importanza fondamentale dei Beatles nella sua vita: «Ricordo perfettamente quando li ho ascoltati per la prima volta. Camminavo con una radio a transistor in mani, e all’improvviso è arrivata She Loves You. Ho pensato: Bang! Questo è quello che voglio fare nella vita, non sarebbe fantastico?»

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: QUEEN
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Rock 2K
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Guano Apes - Open Your Eyes
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Rock '90
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio Rock '80
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: OASIS