Led Zeppelin, la canzone che Robert Plant scrisse sulla "cultura delle groupies" a Los Angeles

Rock News

Led Zeppelin, la canzone che Robert Plant scrisse sulla "cultura delle groupies" a Los Angeles

Il brano venne pubblicato nell'album Physical Graffiti: "In quella città il divertimento era ovunque"

Robert Plant ha ricordato il giorno in cui Jimmy Page gli ha chiesto di entrare a far parte dei Led Zeppelin: “Stavo suonando con la mia prima band, i Band of Joy in un college, Jimmy e Peter Grant sono venuti a cercarmi e mi hanno chiesto se volevo entrare a fare parte degli Yardbirds. Sapevo che avevano lavorato molto in America, il che significava un pubblico più grande e quindi ero molto interessato.

Si dice che alla prima audizione, Plant abbia cantato Somebody to Love dei Jefferson Airplane: “Appena l’ho sentito cantare ho pensato: deve avere qualcosa che non va a livello personale, oppure è uno con cui è impossibile lavorare. Non riuscivo a capire come fosse possibile che nonostante fosse in giro da un po’ non era ancora diventato famoso.” Con l’arrivo di Robert Plant e del suo amico John Bonham (che suona con lui nei Band of Joy) alla batteria, la band decolla all’improvviso: dopo il primo tour in Scandinava con il nome di The New Yardbirds e l’esordio davanti ad un pubblico a Gladsaxe in Danimarca il 7 settembre 1968,  cambiano nome in Led Zeppelin e nel novembre 1968 grazie a Peter Grant firmano un contratto con la Atlantic Records, partono in tour in Inghilterra (il primo concerto con il nome Led Zeppelin è all’Università del Surrey il 25 ottobre 1968) e debuttano il 12 gennaio 1969 con il primo disco omonimo con cui vanno al n.6 in classifica in Inghilterra e al numero 10 in America. Sei anni e cinque album dopo, nel 1975 sono la più grande rock band del mondo, una band sovrumana che suona una versione elettrificata del blues che viene definita “Il martello degli Dei” (da una strofa del brano con cui hanno descritto l’'esperienza del tour in Scandinavia, Immigrant Song) e vivono al massimo o stile di vita travolgente e trasgressivo che si è creato intorno alla rivoluzionaria cultura giovanile del rock’n’roll, soprattutto in America.

Los Angeles era Los Angeles” ha detto Robert Plant in una intervista nel 1975 “Il divertimento era ovunque.” I Led Zeppelin hanno fatto un tour dopo l’altro (solo nel 1969, il loro primo anno di carriera ne hanno fatti quattro, durante i quali hanno scritto e registrato le canzoni di Led Zeppelin II), riempito per cinque sere consecutive la Earl’s Court Arena di Londra, al tempo la più grande in Inghilterra e conquistato il pubblico americano e il 24 febbraio 1975 escono con il doppio album Physical Graffiti, un monumento di suono e potenza che debutta al numero uno in Inghilterra e al numero tre negli Stati Uniti.

Nell’ultima canzone dell’album, Sick Again, Robert Plant parla del rock di fine anni Sessanta, le notti di Los Angeles e le groupie e descrive come tutto sia cambiato negli anni Settanta: “Nel circo delle Regine di Los Angeles / Impari in fretta quanto sia facile cadere” canta Plant. Gli anni sessanta sono finiti, e Robert Plant canta la fine di un sogno: “Non c’è più quell’atmosfera di prima” racconta in un’intervista a proposito di Sick Again, “Tutto era diventato più oscuro.”

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Classic Rock
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Guano Apes - Open Your Eyes
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Radio Rock '80