I Mötley Crüe vendono il loro catalogo musicale per 150 milioni di dollari. Tutti i dettagli

pic: Enzo Mazzeo

Rock News

I Mötley Crüe vendono il loro catalogo musicale per 150 milioni di dollari. Tutti i dettagli

Secondo quanto riportato la band californiana avrebbe venduto l'intero catalogo a BMG, da Too Fast for Love a The Dirt

Secondo quanto riportato dal magazine statunitense Variety i Mötley Crüe hanno venduto interamente il loro catalogo musicale a BMG per circa 150 milioni di dollari. Secondo quanto riportato l'accordo include ogni album registrato in studio dalla band, dal loro debutto del 1981 con Too Fast for Love fino a Saints of Los Angeles del 2008, oltre alle compilation e agli album live.

"È fantastico collaborare con i nostri nuovi partner di BMG", ha affermato il gruppo in una nota, "La loro esperienza con il mondo del rock li ha resi la casa perfetta per continuare a preservare e far crescere la nostra eredità musicale, assicurandoci di rimanere sempre al top".

Questa acquisizione rappresenta è la più grande operazione da parte di BMG fin dalla sua fondazione nel 2008. Il manager Allen Kovac ha aiutato i Motley Crue negli anni '90 a rientrare in possesso del loro catalogo da parte della Elektra Records durante una rinegoziazione del contratto. 

La vendita del proprio catalogo da parte degli artisti è una delle grandi novità della musica degli ultimi anni, in particolare dell’anno 2020 in cui nessuno è andato in tour (ma il valore delle canzoni non è mai stato così alto) e inevitabilmente uno degli argomenti più controversi. Giganti della musica e della cultura contemporanea come Bob Dylan, Neil Young Fleetwood Mac e Dire Straits ma anche band come i Blondie, i The Killers e membri dei Bon Jovi e dei Blink 182 hanno venduto a cifre pazzesche i diritti delle proprie registrazioni (non quelli di edizione che restano di proprietà degli editori e degli autori) alle grandi etichette discografiche come Universal e a gruppi come Hipgnosis Song Fund e Primary Wave, interessati ad acquistarli perché come ha dichiarato uno dei capi di Hipgnosis, che è quotata in borsa: «Le canzoni sono un bene che viene consumato costantemente».

Bob Dylan, per esempio ha incassato un unico pagamento di 400 milioni di dollari dalla Universal, che ha pagato 25 volte il valore di quello che io suo catalogo frutta ogni anno. I motivi per avere tutto e subito da parte anche di artisti simbolo della controcultura come Dylan o Neil Young sono tanti e tutti comprensibili: benefici fiscali, la voglia di assicurare un’eredità stabile e definita ai propri figli (Dylan ne ha sei), l’incertezza sul proprio valore di mercato nel futuro, nell’era dello streaming in cui migliaia di canzoni nuove vengono messe sul mercato ogni giorno.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Guano Apes - Open Your Eyes
 
Virgin Radio Classic Rock
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Rock Hits