Roger Taylor scrisse per Freddie Mercury "These Are The Days Of Our Lives", l'ultimo immenso saluto per i suoi fan

Rock News

Roger Taylor scrisse per Freddie Mercury "These Are The Days Of Our Lives", l'ultimo immenso saluto per i suoi fan

Il brano dei Queen del 1991 avrebbe dovuto essere dedicato alla nascita del figlio Rufus ma Taylor decise di cambiarlo per omaggiare l'immensa carriera di Freddie Mercury

Continua la serie di 50 mini documentari The Greatest (visibili gratuitamente su YouTube) con cui i Queen stanno celebrando i loro 50 anni di carriera, che si può far iniziare al 2 luglio 1971 quando fanno il primo concerto con la formazione definitiva con John Deacon al basso in un college del Surrey.

Nelle interviste raccolte dal creatore della serie Simon Lupton, che ha già girato cinque documentari sui Queen, Roger Taylor e Brian May raccontano aneddoti e retroscena della storia della band che hanno fondato quando il giovane studente d’arte Fraoukh Bulsara è entrato a fare parte degli Smile, il loro primo gruppo, ha cambiato nome e identità artistica in Freddie Mercury, scelto il nome Queen e costruito con il talento, la creatività stravagante e la presenza scenica la carriera di una delle band di maggior successo nella storia del rock.

Roger Taylor, che ha visto con i suoi occhi la trasformazione di Freddie in una rockstar, da quando alla fine degli anni ‘60 gestiva insieme a lui una bancarella di vestiti usati a Kensington Market a quando lo ha visto prendersi il palco nei primi tour dei Queen e infine dominare il mondo al Live Aid e nell’ultimo tour dei Queen Magic Tour del 1986, ha raccontato di aver scritto per lui una delle sue canzoni più intime e toccanti, These Are the Days of Our Lives, un brano atipico nella produzione rock dei Queen, un pop melodico con arrangiamenti raffinati pubblicato nell’album Innuendo del 1991.

In origine Roger Taylor ha scritto il testo come riflessione sulla paternità quando è nato il suo terzo figlio Rufus Taylor (che oggi suona la batteria nei The Darkness) ma nell’ultimo difficile anno della vita di Freddie Mercury, quando già gravemente malato raccoglieva le forze per finire l’ultimo album dei QueenButtava giù un sorso di vodka e cantava come non lo avevamo mai sentito prima, il suo coraggio era straordinario» come ha ricordato Brian May), These Are The Days of Our Lives diventa il suo omaggio all’amico di sempre:

Qualche volta ho la sensazione  di essere tornato ai vecchi tempi, a molto tempo fa
Quando eravamo ragazzi, quando eravamo giovani
Le cose sembravano così perfette, ricordi?
I giorni non avevano fine, eravamo pazzi, eravamo giovani
Il sole splendeva sempre - vivevamo per il divertimento
A volte sembra che il resto della mia vita sia stato solo uno spettacolo
Quelli erano i giorni della nostra vita

These Are the Days of Our Lives viene pubblicata il 5 settembre 1991, giorno del 45esimo compleanno di Freddie Mercury e subito dopo la sua scomparsa il 9 dicembre come doppio lato A insieme a Bohemian Rhapsody, debutta al n1 in classifica in Inghilterra e rimane cinque settimane. A farla entrare per sempre nel cuore del pubblico è il videoclip, girato il 30 maggio 1991 da Rudi Dolezal e Hannes Rossacher della DoRo Productions, l’ultima apparizione in assoluto di Freddie Mercury prima della sua morte. Nelle immagini, girate in bianco e nero per nascondere i segni della malattia, Freddie indossa un gilet con dei gatti stampati (i suoi animali preferiti) creato per lui dalla costumista Diana Moseley canta e recita il brano con una teatralità intensa e quell’ironia che lo ha sempre caratterizzato mentre Brian May, John Deacon e Roger Taylor suonano These Are the Days of Our Lives (Taylor suona le congas) e quando il brano finisce sorride alla telecamera in un commovente primo piano e sussurra: “I still love you” prima di sparire dall’inquadratura con un gesto della mano.  È l’ultimo saluto al suo pubblico di Freddie Mercury

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock '80
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: OASIS
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Radio Rock '90
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio Rock Ballads