Sting, ecco cosa vuol dire cantare e suonare il basso contemporaneamente: "è difficilissimo, il che mi rende molto orgoglioso"

Rock News

Sting, ecco cosa vuol dire cantare e suonare il basso contemporaneamente: "è difficilissimo, il che mi rende molto orgoglioso"

L'ex frontman dei The Police: "è come toccarsi la testa con una mano e accarezzarsi la pancia con l’altra, vuol dire usare due parti diverse del cervello nello stesso momento"

Nella storia del rock non ci sono molti bassisti che sono anche cantanti e frontman di una band. Il primo è Paul McCartney, che però divideva il microfono con John Lennon, il più famoso è Sting protagonista al centro del palco con i Police.

In una puntata della serie Words + Music in cui ha parlato del suo ultimo album Duets in cui ha collaborato con Eric Clapton, Annie Lennox e Herbie Hancock e molti altri, Sting ha spiegato che i musicisti come lui capaci di suonare il basso e cantare sono: «Un tipo speciale di persone capaci di fare cose in contrasto, come nel contrappunto della musica classica. Cantare una canzone e accompagnarsi con la chitarra è relativamente facile. Suonare il basso e cantare invece è come toccarsi la testa con una mano e accarezzarsi la pancia con l’altra, vuol dire usare due parti diverse del cervello nello stesso momento. Non siamo in molti a saperlo fare, ed è una cosa che mi rende molto orgoglioso».

Il bassista è una parte fondamentale dell’arrangiamento, mette insieme ritmo e melodia e riempie lo spazio tra la batteria e gli altri strumenti, mentre il cantante è la star dello show, canta le melodie e i testi delle canzoni e deve anche interagire con il pubblico.

Sting ha spiegato che oltre alle caratteristiche naturali, ci vogliono anche ore di pratica: «Il trucco per imparare è rallentare, cantare più piano e suonare più piano, capire le incongruenze e poi ricomporre tutto come in un puzzle. Molti mi dicono: come fai? Io rispondo sempre: basta provare e riprovare finché non ci riesci». Insieme a lui nell’elenco dei più bravi bassisti e cantanti di sempre ci sono Geddy Lee dei Rush, Les Claypool dei Primus e musicisti jazz e funk come Thundercat o Bootsy Collins. Per Sting hanno tutti una cosa in comune: «Ti viene naturale, e non puoi più farne a meno» ha detto, «E poi io non ho mai voluto essere un “guitar hero”. Suono la chitarra, la uso anche per scrivere le canzoni ma non è quello che voglio essere sul palco. Voglio essere un bassista che canta».

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock 2K
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Nandi Bushell ha realizzato la la drum cover di We Are The Champions dei Queen. Guarda il video
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Radio Rock '80