Stardust, il biopic su David Bowie sarà presentato alla Festa del Cinema di Roma. Guarda il trailer

Rock News

Stardust, il biopic su David Bowie sarà presentato alla Festa del Cinema di Roma. Guarda il trailer

Il film dedicato ai primi anni di carriera del Duca Bianco sarà in cartellone alla prossima rassegna in programma dal 15 al 25 ottobre 2020

A seguito dello slittamento di molte rassegne cinematografiche ed eventi a causa della pandemia di coronavirus, tra cui il Tribeca Film Festival di Robert De Niro in cui doveva fare il suo debutto, "Stardust" sarà presentato alla Festa del Cinema di Roma 2020.

Il biopic dedicato ai primi anni di carriera del grande Duca Bianco David Bowie sarà tra i protagonisti della rassegna cinematografica in programma a Roma dal 15 al 25 ottobre prossimi.

Il film, che non conterrà le musiche originali composte da Bowie, racconterà gli aspetti meno noti della vita del cantautore mostrando il suo percorso di formazione.

Anche se il film non è stato autorizzato dalla famiglia del cantautore britannico, la trama racconterà una parte fondamentale della vita del Duca Bianco e, secondo il regista Gabriel Range, avrà uno sviluppo simile a quanto visto all'interno di "Rocketman", il film dedicato alla vita di Elton John.

La trama si snoderà raccontando il reale viaggio fatto nel 1971 da Bowie in America. La sceneggiatura, scritta da Chris Bell, racconterà diversi aneddoti riguardanti quel viaggio: “Ci abbiamo giocato”, ha raccontato il regista Gabriel Range, “molto poco è stato scritto su quel periodo. Ho poi lavorato con Chris per cercare di sviluppare alcuni retroscena della vita di David come la paura della malattia mentale e l'importanza del rapporto con suo fratello Terry”. Nato dieci anni prima di Bowie, Terry trasmise al fratello minore l’importanza di possedere un’educazione musicale, portandolo al suo primo concerto e comprandogli il suo primo disco. Ma quando Terry ebbe un esaurimento nervoso e fu rinchiuso in manicomio, in David nacque l’ossessione che anche lui potesse essere colpito dalla schizofrenia, come ha raccontato in The Man Who Sold the World.Ho pensato che questa parte meno conosciuta della sua esistenza, il suo background, la sua vita prima della fama mondiale, fosse affascinante. Questa è la storia che volevo raccontare”, ha continuato Range.

Sarà il cantautore Johnny Flynn ad interpretare nel film il giovane Bowie: “Per me era molto più importante trovare qualcuno che avesse carisma e talento musicale rispetto a qualcuno che avesse una somiglianza fisica con David”, ha raccontato ancora il regista. “All'epoca in cui si svolge la storia, David ha sedici singoli falliti alle spalle. C'è qualcosa di enormemente stimolante nell'andare avanti fino a trovare qualcosa di completamente originale nella musica, nell'esecuzione e nel personaggio. C'era qualcosa di così misterioso ed enigmatico in Bowie. La cosa straordinaria di David è stata proprio mostrare quante volte ci ha provato ed ha fallito, continuando con incredibile determinazione a proseguire. Volevo catturare quel momento di insicurezza prima della grande svolta, esplorando il giovane dietro l'icona. La performance di Johnny è la più bella lettera d'amore scritta da un musicista per un altro”, ha concluso Range.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Radio Xmas
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Rock 2K
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Nandi Bushell ha realizzato la la drum cover di We Are The Champions dei Queen. Guarda il video
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock '80
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Rock '90
 
ROCKSTAR: BON JOVI