Queen, Brian May: “Suonare la chitarra con una moneta è molto meglio che con un plettro. Ecco perché”. Guarda il video

Rock News

Queen, Brian May: “Suonare la chitarra con una moneta è molto meglio che con un plettro. Ecco perché”. Guarda il video

Il chitarrista ha anche spiegato quali sono le monete migliori per suonare la sei corde e ricreare il suo iconico suono

Brian May nella sua carriera non ha mai suonato utilizzando il plettro. Al suo posto il chitarrista dei Queen ha sempre usato una moneta da sei pence e questa è una delle caratteristiche del suo modo di suonare. In un’intervista per Premier Guitar, il musicista ha spiegato il perché di questa sua scelta.

In realtà si è trattato di un vero esperimento – ha raccontato - ero solito usare plettri molto flessibili perché pensavo che quello fosse il modo migliore per diventare più fluido o più veloce nel suonare, in quanto il plettro non avrebbe influito sul modo in cui muovevo le dita davanti e indietro. Però poi ho scoperto che così non mi piaceva. Mi sono reso conto che, al contrario, mi piacevano i plettri più duri perché potevo avere più sensibilità nei movimenti delle dita. Così un giorno ho semplicemente provato a utilizzare una moneta, pensando ‘Questo strumento mi farà percepire proprio tutto ciò che accade alla corda. Posso sentirlo tra le dita'”.

Tuttavia – ha proseguito – mi sono anche detto ‘Questa moneta mi darà zero flessibilità’. In realtà, riesco a ottenere tutta la flessibilità di cui ho bisogno da qui – ha spiegato, indicando un lato della moneta – per questo motivo adoro suonare così. Riesco a percepire tutto, mantengo un contatto totale con le corde. Posso sentire persino le dentature, le percepisco sulle dita. Non stringo la moneta in modo rigido, così può muoversi e io posso ottenere la flessibilità ma anche la variazione perché in questo modo rimane parallela alle corde”.

È molto semplice da utilizzare – ha continuato – ma se sposti l’angolazione in questo modo di diversi gradi, la moneta riesce a darti un particolare effetto scattante che, in combinazione con il palmo della mano, riesce a riprodurre quasi la stessa articolazione della voce umana. Mi piace molto riuscire a ottenere questo effetto esplosivo, sembra quasi il suono di una consonante, non trovate?”.

Per Brian May, insomma, la moneta da sei pence è davvero il plettro ideale: “Non si usura, non danneggia le corde perché è fatta di un metallo più morbido e di acciaio. È come l’argento nickel e dura per sempre. Ne ho a centinaia e sono anche molto economiche – ha detto ridendo, per poi continuare – questa moneta per me è davvero il plettro definitivo. Tra l’altro, non rimane neanche bloccata nella corda. Molti plettri, invece, avendo le punte spesso rimangono come incastrati sotto la corda. Con una moneta questo non succede mai perché è tonda. Anche un centesimo funziona bene come plettro. Persino un quarto di sterlina va bene, ma il centesimo probabilmente funziona meglio”.

Infine, Brian May ha persino indicato l’anno in cui sono state coniate le monete migliori per suonare: “Il suono migliore si ottiene con le monete da sei pence che risalgono a prima del 1956 – ha detto – sono perfette perché hanno una composizione diversa. Dopo quell’anno, il materiale con cui vengono coniate è stato cambiato e hanno iniziato a utilizzare un composto più economico”.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Rock '80
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock Ballads