Woodstock 50 è salvo: si farà, ma non a New York. Ecco le ultime indiscrezioni sulla nuova location

Rock News

Woodstock 50 è stato ufficialmente annullato. Ecco l'annuncio degli organizzatori

Dopo mesi di polemiche, il Festival dedicato al 50esimo anniversario di Woodstock non si farà

Woodstock 50 non si farà. Dopo mesi di polemiche, di cambi di location, di perdita di finanziatori e di artisti, il Festival dedicato ai 50 anni di uno dei più grandi eventi del 1969 è stato ufficialmente cancellato. Ad annunciarlo gli organizzatori, che in questi mesi hanno fatto di tutto per tenerlo in piedi, nonostante le avversità.

I problemi maggiori relativi alla realizzazione del Festival erano legati alla location. Era solo di una settimana fa la notizia che Woodstock 50 aveva finalmente trovato una casa: il Merriweather Post Pavilion nel Maryland.

Siamo rattristati del fatto che una serie di battute di arresto impreviste ha reso impossibile organizzare l’evento”, queste sono state le parole di Michael Lang, co-fondatore del Festival. “Quando abbiamo perso Watkins Glen e poi il Vernon Downs, abbiamo cercato un modo per non annullarlo. Abbiamo stretto una collaborazione con HeadCount per organizzare un piccolo evento al Merriweather Post Pavilion, in modo da raccogliere fondi per alcune associazioni no profit che si occupano di affluenza al voto e di cambiamenti climatici”.

Ultimamente, molti artisti avevano annunciato di non volersi più esibire all’evento di commemorazione. Tra i più importanti c’erano: The Black Keys, The Raconteurs, Santana e The Lumineers. È così che Lang aveva deciso di liberare i musicisti dagli impegni contrattuali presi.

Woodstock 50 – ha continuato il co-fondatore – resta impegnato nel cambiamento sociale e proseguirà a sostenere la causa di HeadCount. Ringraziamo tutti gli artisti e i partner che ci hanno sostenuto anche di fronte alle avversità. I miei pensieri sono rivolti a Betel e alla celebrazione del 50esimo anniversario, al fine di rafforzare i valori di compassione, dignità umana e bellezza delle differenze, abbracciati da Woodstock”. 

La decisione oggi di annullare definitivamente Woodstock 50 arriva a seguito di altre problematiche legate all’organizzazione e al reperimento di finanziatori.

Greg Peck, direttore di Woodstock 50 ha detto: “La sfortunata disputa con il nostro partner finanziario e i conseguenti procedimenti legali ci hanno portato a una congiuntura critica, facendoci cambiare idea rispetto ai piani iniziali e costringendoci a trovare una location alternativa al Watkins Glen. Avevamo poco tempo e poche scelte per dare modo agli artisti di esibirsi. Abbiamo lavorato duramente per riuscire a organizzare il giusto tributo – e alcuni grandi artisti erano saliti a bordo nell’ultima settimana per supportare Woodstock 50 – ma il tempo era poco”.

Siamo molto delusi – ha continuato Peck – e ringraziamo tutti i sostenitori, compreso il team del Merriweather Post Pavilion e dell’Howard Country Executive Calvin Ball. I valori di pace e tolleranza promossi da Woodstock oggi sono più importanti che mai, guardiamo al futuro per trovare altri modi di onorare e celebrare questi ideali”.

Seth Hurwitz, presidente della IMP e collaboratore del Merriweather Post Pavilion, ha aggiunto: “Abbiamo eliminato il problema del reperimento della location di Woodstock 50, ma era troppo tardi. Mi auguro che con il giusto tempo, il Merriweather diventerà il luogo di un festival futuro, in grado di riprodurre l’atmosfera originale del Festival. Molte persone vorrebbero che ciò accadesse”.

Foto

Video

Concorsi

Virgin Radio Life

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio On-Air
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio Rock '90
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
ROCKSTAR: QUEEN