The Rolling Stones: la notte in cui Keith Richards compose, nel sonno, (I Can't Get No) Satisfaction. La storia

Rock News

The Rolling Stones: la notte in cui Keith Richards compose, nel sonno, (I Can't Get No) Satisfaction. La storia

Il chitarrista degli Stones trovò il riff registrato su un nastro nel registratore senza ricordarsi di averlo scritto

Esistono alcuni brani che rappresentano l'essenza stessa di una band, in grado di raccogliere ogni elemento distintivo, caratteristico e rivoluzionario per il genere. Se per i Led Zeppelin Stairway To Heaven rappresenta l'apice compositivo, per i Deep Purple Smoke On The Water è un inno, per i Rolling Stones vi è senza dubbio (I Can’t Get No) Satisfaction.

Dietro la composizione di questo inarrivabile brano si cela una singolare e divertentissima storia, ai limiti dell'assurdo come il suo geniale autore: Keith Richards, colui che ha fatto del limite il suo stile di vita. A quanto pare, infatti, il chitarrista degli Stones ha composto il celeberrimo riff di apertura del brano durante il sonno.

In diverse interviste il rocker inglese ha raccontato che una mattina si è svegliato e ha trovato il riff registrato su un nastro nel suo registratore ma non si ricordava di averlo composto. Nel nastro si sentiva anche il rumore di Keith che russava mentre dormiva e la registrazione durava circa 40 minuti: probabilmente il musicista era molto stanco e, dopo aver suonato componendo inconsapevolmente uno dei riff più famosi della storia, è crollato nel sonno senza ricordarsi di spegnere il registratore.

Secondo la versione riportata da alcuni magazine, tra i quali Rolling Stone, la sera in cui Richards ha composto Satisfaction la band si trovava in un motel di Clearwater, in Florida, durante il terzo tour della loro carriera. Nel 2010, però, Richards fornì una versione differente nella sua biografia Life: “Quella sera mi trovavo con delle ragazze nel mio appartamento a Carlton Hill, a St. John’s Wood, il che forse spiega il mood della canzone – ha spiegato – ho composto Satisfaction durante il sonno. Non avevo idea di averla composta, bisogna solo ringraziare Dio che avessi con me il registratore a cassette della Philips. Il miracolo è accaduto la mattina successiva, quando ho guardato il registratore e mi sono ricordato che la sera prima ci avevo inserito un nastro nuovo. Così mi sono accorto che era finito”.

A quel punto Richards ha ascoltato il nastro e ha scoperto di aver registrato 30 secondi del famoso riff con anche le parole che poi sono diventate il titolo del brano: “Era solo un’idea grezza – ha spiegato ancora nel suo libro – quello era appena lo scheletro della canzone e ovviamente non aveva il suono che ha avuto dopo, visto che era in versione acustica. Ma quello scheletro era tutto ciò di cui avevamo bisogno per crearla”. Subito dopo Keith ha fatto ascoltare la registrazione a Mick Jagger: “Ha sentito solo l’inizio e subito ha costruito il riff – ha raccontato il musicista – in versione acustica sembrava una melodia country più che qualcosa di rock. In realtà, a Mick non è piaciuta subito, pensava si trattasse di uno scherzo. Non credeva che fosse del materiale adatto a un brano e a quel punto tutti noi gli abbiamo detto ‘Sei fuori di testa’. E in effetti lo era”.

Alla fine anche Mick si è convinto che l’idea avrebbe potuto funzionare e così si è messo a scrivere il testo mentre si trovava in piscina a Clearwater, in Florida. Dopo cinque giorni la band registrò il pezzo e il resto è storia. Keith e Mick hanno sempre lavorato in questo modo, uno trova l’idea e poi l’altro ci lavora su: “Io ho scritto la melodia e lui il testo – ha raccontato Richards – ma il riff è soprattutto mio. Sono io il maestro nei riff”.

Nata in questo modo così insolito, (I Can’t Get No) Satisfaction ha avuto una grande fortuna: pubblicata nel maggio del 1965, è diventata ben presto la prima hit della band a raggiungere la vetta delle classifiche USA, dove è poi rimasta per ben quattordici settimane. Nel 2011 il brano si è anche aggiudicato il secondo posto nella classifica delle 500 Migliori canzoni di tutti i tempi stilata dal magazine Rolling Stone.

Dopo tanti anni, Keith Richards non smette di perfezionare quello che è già considerato da tanti il suo capolavoro: “Ogni volta che eseguo Satisfaction – ha raccontato in un’intervista per CBS News nel 2016 – cerco sempre nuovi modi per suonarla, giusto un piccolo ritocco qui e lì. Sapete come vanno queste cose, componi una canzone e dopo cinque giorni la registri, ma in quel momento non ne sai proprio nulla. Poi la esegui sul palco per 50 anni ed è solo allora che capisci come funziona, come sta accadendo a me adesso”. Nonostante la abbia ormai eseguita dal vivo un numero infinito di volte, Keith non si stanca mai di suonarla: “È una canzone piuttosto flessibile – ha detto in un'intervista per Rolling Stones – non è mai la stessa, cambia ogni sera. È un pezzo sul quale riesci a levitare, quando all’improvviso senti che i tuoi piedi non sono più poggiati a terra ma allo stesso tempo sei certo che non potrai cadere. È questo ciò che cerchi di fare quando la suoni: levitare”.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Guano Apes - Open Your Eyes
 
webradio Virgin Radio Rock '70