Queen, la vera storia del video di Bohemian Rhapsody: "non avevamo voglia di cantare in playback!"

Rock News

Queen, la vera storia del video di Bohemian Rhapsody: "non avevamo voglia di cantare in playback!"

I segreti che hanno portato alla realizzazione del geniale videoclip che cambiò per sempre la commercializzazione della musica

Bohemian Rhapsody, il capolavoro dei Queen pubblicato il 31 ottobre 1975, numero uno in classifica in Inghilterra per nove settimane e pezzo simbolo della creatività di Freddie Mercury, è anche uno dei primi videoclip della storia. L’idea di girare dei brevi filmati per promuovere i singoli risale ai Beatles negli anni ’60, (si chiamavano “pop promo”), il primo videoclip in assoluto è considerato quello realizzato dagli ABBA per il brano Waterloo nel 1974 e poi è arrivato quello dei Queen, che ha avuto così tanto successo da spingere le case discografiche a farne sempre di più.
Secondo quanto raccontato da Brian May e Roger Tayor nella serie di minidocumentari Queen: The Greatest in onda su YouTube per celebrare i 50 anni della band, la vera ragione per cui i Queen hanno deciso di fare un videoclip è che non avevano voglia di cantare in playback.

Sono stati invitati al programma televisivo della BBC Top of the Pops ma come ha raccontato Brian May: «Non ci piaceva molto l’idea di stare su uno di quei piccoli palchi a fare finta di suonare un pezzo così e complesso come Bohemian Rhapsody. Ci sembrava una cosa triste. Inoltre sapevamo che quel giorno avremmo avuto una data a Dundee e non volevamo rinunciare». Il 10 novembre 1975 mentre fanno le prove per il tour negli Elstree Studios di Londra, i Queen chiamano il regista Bruce Gowers (che ha ripreso il loro concerto del 1974 al Rainbow Theater di Londra per il film Live at Rainbow) e con un solo cameraman, Barry Dodd e un assistente girano in dieci ore il videoclip che lancia l’era della musica in video, spendendo solo 4500 sterline. Bohemian Rhapsody viene inviato subito alla BBC che lo manda in onda su Top of the Pops, proprio mentre il singolo scala le classifiche inglesi, arrivando in vetta a Natale ed entrando anche nella classifica americana al numero 9. Nel 1991, dopo la morte di Freddie Mercury ritorna al primo posto per cinque settimane, diventando il terzo singolo più venduto di sempre in Inghilterra, e l’unico ad andare al numero uno a Natale per due volte nella stessa versione. «Improvvisamente si è aperta una strada verso il futuro» ha detto Roger Taylor a proposito del videoclip, «E noi siamo stati i primi a percorrerla».

Il regista Bruce Gowers crea un immaginario seguendo le idee visive della band, e riprendendo la foto di copertina dell’album Queen II, ispirata da uno scatto di Marlene Dietrich che Freddie Mercury amava molto. Tutti gli effetti speciali come le sovrapposizioni del volto di Freddie nella sezione operistica del pezzo mentre canta Magnifico e Let me Go sono realizzare in diretta durante le riprese e non in montaggio, per finire il video in tempo e mandarlo alla BBC. Freddie Mercury ha sempre detto che forse i Queen non sono stati i primi a creare un videoclip ma forse Bohemian Rhapsody è stato il primo singolo a vendere molto grazie ad un videoclip. «C’era una chimica particolare che legava la musica e le immagini» ha detto Freddie in un’intervista, «Mi sembra che abbia funzionato bene».

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: AEROSMITH
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio Rock '80
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Hard Rock
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
ROCKSTAR: OASIS
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Rock Hits