Slash, fu David Bowie ad aiutarlo ad uscire dalla dipendenza da alcol e droga. Ecco come

Rock News

Slash, fu David Bowie ad aiutarlo ad uscire dalla dipendenza da alcol e droga. Ecco come

Il Duca Bianco ha avuto un ruolo fondamentale nella vita del chitarrista dei Guns N' Roses

David Bowie ha dovuto combattere contro la dipendenza da alcol e sostanze stupefacenti per gran parte della sua vita. Quando finalmente è riuscito a uscire dal tunnel, ha deciso di aiutare anche i suoi amici a rivedere la luce. La sua rinascita risale al 1993, quando pubblicò Black Tie White Noise; in quel periodo il Duca Bianco parlò apertamente della battaglia che aveva combattuto e vinto: “È come avere un’enorme ostrica tra le mani con una perla al centro – disse in un’intervista – potresti avere la perla ma per prenderla rischi di spezzarti le braccia. Quindi è meglio provarci o no? Io suggerirei che la cosa migliore è quella di non rischiare”.

Bowie non nascose il suo disprezzo per come i media raccontavano la dipendenza da sostanze stupefacenti, senza mostrare mai il lato oscuro di questo stile di vita. Il musicista prese come esempio la storia di Jim Morrison: “Non vediamo abbastanza fotografie di un povero scemo disteso a terra in bagno – commentò – lo vediamo solo volubile e bellissimo. La stessa cosa è accaduta con James Dean. L’immagine che abbiamo di lui è quella di un giovane che ha vissuto troppo velocemente ed è morto troppo presto. Forse avremmo un’idea diversa se avessero pubblicato le sue foto dopo l’incidente stradale”.

Secondo Bowie, dunque, è utile raccontare le conseguenze dell’assunzione di droghe e far vedere anche il dramma che si cela dietro la facciata e il racconto della vita dei grandi artisti. Anche Slash, com’è noto, è finito nel tunnel della dipendenza ma per fortuna poi fu aiutato proprio dal Duca Bianco. Un giorno i due si incontrarono e il chitarrista dei Guns N’ Roses raccontò al leggendario musicista che ormai i suoi viaggi psichedelici erano diventati per lui delle esperienze orribili dalle quali però non riusciva a uscire. Bowie lo mise in allerta, dicendogli ciò che forse non voleva sentirsi dire, ma per fortuna glielo disse lo stesso e proprio al momento giusto.

L’artista spiegò al giovane Slash che l’utilizzo di quelle sostanze avrebbe alterato la sua mente per sempre: “Mi disse ‘No, probabilmente adesso tu ti trovi in un posto brutto e sei diventato vulnerabile a molte interazioni esterne con le cose che normalmente le persone non vedono, ti sei esposto a tutto questo’ – ha raccontato il chitarrista a Kerrang – io risposi ‘Accidenti, è pesante…’. Ma quello mi sembrò come un consiglio. O forse fu una precisazione che mi aiutò ad aprire gli occhi sullo stato mentale in cui mi trovavo”.

Slash ha parlato di questo incontro fondamentale nella sua vita anche nella sua autobiografia: “David era saggio e si impegnava sul fronte dell’abuso di sostanze – ha raccontato – mi chiese di quali droghe stessi facendo uso e cosa stessi provando a livello emotivo e psicologico e anche con la band. Divagai un po’, ma una volta che iniziai a parlare dei miei amichetti trasparenti, David mi interruppe… aveva ascoltato abbastanza”. Con poche parole, Bowie fece capire al suo giovane amico che era arrivato il momento di dire basta perché altrimenti le conseguenze sarebbero state irreparabili.

Bowie conosceva molto bene il chitarrista: la madre di Slash, Ola Hudson, in passato aveva infatti lavorato per il grande artista come costumista ed è anche grazie a lei se nacque il personaggio del Duca Bianco. Il rapporto tra loro due all’inizio riguardava solo il lavoro, ma poi nacque qualcosa di più profondo e forse è anche per questo se l’artista ha voluto aiutare Slash, oltre al fatto che in lui aveva visto del talento e pensava che non avrebbe dovuto sprecarlo così, gettando via la sua vita in quel modo. “Erano sempre insieme – ha raccontato il chitarrista nel 2012 parlando di sua madre e del musicista – una volta li sorpresi nudi. Probabilmente stava accadendo qualcosa tra di loro, ma la mia prospettiva all’epoca era limitata. Ripensandoci, forse sapevo esattamente cosa stesse succedendo. Quando ripenso a tutte quelle persone, posso solo immaginare quanto fossero strane certe situazioni”.

In ogni caso, grazie al consiglio di David Bowie, Slash è riuscito a trovare la sua strada e nel 2005 ha dichiarato di essere tornato completamente sobrio e di aver chiuso con le droghe. Ancora oggi le parole del grande artista risuonano nella sua mente, ricordandogli ciò che, anche grazie a lui, è riuscito a evitare, decidendo di cambiare il suo stile di vita.

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

Virgin Radio Hard Rock
 
Nandi Bushell ha realizzato la la drum cover di We Are The Champions dei Queen. Guarda il video
 
ROCKSTAR: OASIS
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
ROCKSTAR: AEROSMITH
 
Virgin Radio Rock Party
 
ROCKSTAR: BON JOVI
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio On-Air
 
ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
ROCKSTAR: GUNS N' ROSES
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Rock '90
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
ROCKSTAR: AC/DC
 
Virgin Radio Rock 2K