God Save The Queen: la storia del più grande successo dei Sex Pistols

Rock News

God Save The Queen: la storia del più grande successo dei Sex Pistols

Il 27 maggio 1977 la band di Johnny Rotten pubblicava come singolo il più irriverente successo della loro carriera

Il 27 maggio 1977 i Sex Pistols pubblicavano "God Save The Queen", il loro più grande e irriverente successo. Quattro giorni dopo, il 31 maggio, la canzone fu bandita dalla BBC per "cattivo gusto".

Inizia così la storia di uno dei brani più celebri e divisivi del punk britannico, un pezzo definito così dal leader della band John Lydon (Johnny Rotten): "Non ci sono molte canzoni scritte sul tavolo della colazione che abbiano continuato a dividere una nazione intera forzando un cambiamento nella cultura popolare".

Sebbene sia stato pubblicato proprio pochi giorni prima del giubileo d'argento della Regina Elisabetta, il batterista Paul Cook dichiarò che la canzone non venne scritta appositamente per il giubileo della Regina perché all'epoca la band non ne era minimamente a conoscenza: "Non è stata un'uscita forzata per scioccare le persone". Johnny Rotten spiegò così il significato di un testo tanto irriverente: "Non scrivi God Save The Queen perché odi il popolo inglese. Scrivi una canzone del genere perché lo ami e sei stufo che venga maltrattato".

Con l'idea che "non esiste una cattiva pubblicità", il manager di Sex Pistols Malcolm McLaren ricevette della stampa dell'epoca tutta la copertura mediatica e la pubblicità possibile. "God Save the Queen" in quell'anno raggiunse la prima posizione nelle classifiche stilate dal magazine NME, e la seconda posizione nelle classifiche dei singoli più venduti nel Regno Unito, dietro a "I Don’t Want to Talk About It" di Rod Stewart.

Quando il parlamento britannico minacciò di vietare tutte le vendite del singolo un portavoce della Virgin, l'etichetta che decise di distribuire il disco, dichiarò: "È una cosa meravigliosa che i parlamentari non abbiano niente di meglio da fare che agitarsi per dei dischi che non sono mai stati pensati su di loro". Nonostante le polemiche, poiché importanti catene di distribuzione come Woolworth si rifiutavano di distribuire "God Save The Queen", il disco arrivò a vendere fino a 150.000 copie al giorno.

Una settimana dopo il bandi di "God Save the Queen", i Sex Pistols si presentarono su una barca (affittata da Richard Branson della Virgin in persona) alle celebrazioni del giubileo d'argento della Regina d'Inghilterra per suonare qualcosa per Sua Maestà. Mentre la barca raggiunse la Houses of Parliament sul Tamigi, la band si esibì in “Anarchy in the UK,” “God Save the Queen,” “Pretty Vacant” e “No Feelings.”. Quando la polizia inevitabilmente fermò la barca, il manager della band Malcolm McLaren venne arrestato. Mentre veniva portato via in furgone della polizia, si mise ad urlare "bastardi fascisti!"

Foto

Video

Concorsi

WEBRADIO tutte

ROCKSTAR: PINK FLOYD
 
Virgin Radio Rock 2K
 
Virgin Radio Rock Ballads
 
ROCKSTAR: QUEEN
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio Rock '90
 
Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Rock Hits
 
ROCKSTAR: ROLLING STONES
 
Virgin Radio On-Air
 
webradio Virgin Radio Rock '70