Virgin Radio Italy

WEBRADIO

Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Rock Hits
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Virgin Radio Hard Rock
 
webradio Music Star Ligabue
 
Virgin Radio 10 Years Style Rock
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Radio 10 Years Style Rock
 
webradio Music Star Vasco
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
webradio Radio Bau
 

rock news

Jimi Hendrix: in arrivo un album di registrazioni inedite. Ascolta la sua versione di Mannish Boy

Con una nuova serie di registrazioni Stephen Stills e Eddie Kramer riflettono sul grande lavoro in studio del leggendario musicista

I collaboratori di Jimi Hendrix sono al lavoro per il nuovo LP atteso del chitarrista

I collaboratori di Jimi Hendrix hanno rivelato il loro lavoro di assemblaggio di Both Sides of the Sky, che completa una trilogia di album di registrazioni postume in studio. Gli ultimi due anni della vita di Hendrix sono stati costellati da una serie di cambiamenti. Dopo la  pubblicazione di un album in studio, l' Electric Ladyland del 1968 , la Jimi Hendrix Experience si sciolse e il chitarrista si trovò ad affrontare una causa per un contratto che aveva firmato prima di diventare famoso.

Sarebbe stato quello l'ultimo LP pubblicato prima della sua morte, nonostante avesse accumulato pile di nastri per un nuovo album in studio. Gran parte della musica realizzate alla fine degli anni Sessanta è stata pubblicata su album postumi, a partire da The Cry of Love del 1971 , contenente canzoni che Hendrix aveva mixato con Eddie Kramer.

Dalla metà degli anni Novanta, il duo Kramer - Hendrix ha dato vita a lavori di gran pregio, come la prima delle tre compilation, Valleys of Neptune , nel 2010, cui ha fatto seguito People, Hell and Angels tre anni dopo. Ora è in arrivo un volume finale, Both Sides of the Sky , che mette in evidenza i cambiamenti nella vita lavorativa di Hendrix tra il 1968 e il 1970.

L'album presenta anche le collaborazioni di Hendrix con Johnny Winter, Lonnie Youngblood e Stephen Stills. Con quest'ultimo, Hendrix ha interpretato una ritmata versione di Woodstock di Joni Mitchell. Stills ricorda con affetto il giorno in cui ha registrato il brano con Hendrix. Era la fine del 1969, e i musicisti erano nello studio di registrazione di New York. Hendrix ha preso un basso e hanno iniziato a suonare la canzone.

"Volevo vedere cosa sarebbe accaduto giocando con lui" dice Stills. "Guardarlo suonare era come guardare il più grande atleta mai visto, come Julius Irving o Muhammad Ali, è stato incredibile, mi ha insegnato a smettere di pensare e lasciare che tutto succedesse".

Molte delle canzoni sono brani alternativi che i fan di Hendrix già conoscono, ma forniscono una panoramica del contesto di riferimento, mostrando nuove intuizioni nel suo processo creativo degli ultimi anni. "Jimi ha davvero cercato di ridurre le canzoni, lavorando sodo per perfezionare le cose. C'era una costante evoluzione del contenuto" afferma il co-produttore John McDermott.

Al momento della sua morte, la maggior parte delle registrazioni su Both Sides of the Sky non erano state completate. "Probabilmente l'avrebbe rivisitato e ha detto: 'Posso farlo meglio. Non è mai stato soddisfatto” dice Kramer, descrivendo Cherokee Mist , uno strumentale con una melodia elastica di Hendrix, sia sul sitar che alla chitarra:

"Alla fine, c'è quel suono incredibile che sta uscendo dal suo amplificatore, come una bestia che si è scatenata in studio, è primitiva e meravigliosa. " Ogni nuova registrazione sarebbe poi stata registrata e conservata negli Electric Lady Studios, che il musicista ha aperto nell'agosto 1970.

"Electric Lady aveva questa enorme parete di armadi, e molti di loro erano pieni di nastri, e solo Jimi e io avevamo le chiavi ", ricorda Kramer. Ma prima che potessero finire l'album, Hendrix è morto durante un tour in Europa a settembre.

Kramer ha ancora dei ricordi vividi del suo lavoro a stretto contatto con Hendrix. È stata quell'esperienza che ha fornito il modello in base al quale Kramer ha mescolato tutte le versioni postume di Hendrix.

Ora Both Sides of the Sky potrebbe rappresentare l'ultima parola di Hendrix in studio. "È difficile dire se è così. Con Jimi, c'è sempre la speranza che ci sia un deposito di nastri da qualche parte, che sarebbe davvero grandioso, Dio solo sa cosa avrebbe fatto se fosse vissuto, adorava solo registrare e creare" ha confessato McDermott.

VIRGIN NEW YORK ROGER WATERS 13-09-2017
 
Yungblud
 
Dave Grohl è il Rock Ambassador di Virgin Radio. Guarda il suo messaggio
 

Seguici su Facebook