Virgin Radio Italy

WEBRADIO

webradio Radio Bau
 
Virgin Radio Rock Party
 
webradio Music Star Ligabue
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Rock Hits
 
webradio Music Star Vasco
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
Webradio Music Star Coldplay
 

Rock News

SeeYouSound International Music Film Festival 2016 di Torino: il programma!

Al via la seconda edizione del festival dedicato a musica e cinema. Tra le opere in proiezione anche un tributo a David Bowie è un film con Al Pacino in versione rockstar!

SeeYouSound International Music Film Festival 2016 di Torino: il programma!

Musica e immagini, unite nel vincolo indissolubile del cinema e del video d’autore, si danno appuntamento a Torino, dal 25 al 28 febbraio 2016 al Cinema Massimo, per la seconda edizione di Seeyousound International Music Film Festival.

Il “festival che non c’era”, nato da una idea dell’associazione Choobamba nel 2015, è il primo in Italia dedicato interamente al cinema a tematica musicale. Il successo della prima edizione è stata la conferma dell’attenzione e dell’amore che esiste – in Italia e nel mondo – per il vastissimo universo di lungometraggi, corti, documentari, reportage e videoclip che hanno fatto della musica il medium linguistico e di pensiero.

La seconda edizione del festival propone una rassegna internazionale di film, sottotitolata Music is the weapon e dedicata, in questi tempi difficili, alla forza della musica come arma di aggregazione di massa e al potere della macchina cinematografica contro l’indifferenza sociale. Quello che a volte non riesce al linguaggio parlato e scritto, riesce alla musica e al cinema, in un matrimonio perfetto che ha una capacità senza precedenti di aprirci gli occhi: grazie alla loro profonda componente emozionale, affascinano, stimolano, ispirano e aumentano la consapevolezza, spesso sono specchio della realtà in cui viviamo e ci aiutano a familiarizzare con altre culture; le storie che raccontano servono sì a denunciare le ingiustizie, ma anche a curare le ferite, costruendo ponti verso la speranza.

Accanto ai titoli proposti da Music is the weapon anche nella seconda edizione del festival saranno protagonisti i film in concorso nelle tre categorie: lungometraggi (Long Play), cortometraggi (7inch), videoclip (soundies). I lavori, selezionati fra 374 opere in arrivo da tutti i continenti, dalla Nuova Zelanda alla Norvegia, come da ogni situazione politica e al di là di ogni censura da Iran, Ucraina, Russia, Turchia e Libano, sono accomunati dalla capacità di usare il linguaggio del cinema, mescolandolo dall’interno a quello musicale.

La sezione degli otto lungometraggi della Competizione Internazionale Long Play si snoda attraverso un fil rouge più contemporaneo che mai, della sopravvivenza e della conseguente determinazione del proprio destino attraverso la musica.

In Monsterimies, documentario sulla band heavy metal finlandese Lordi è la salvaguardia di un mondo abitato da mostri; è la lotta contro la malattia a colpi di soul-r’n’b’ in Miss Sharon Jones! di Barbara Kopple; Ë il non voler arrendersi ad un inevitabile declino come racconta Blood, Sweat and Tears, commovente biopic sulla celebre folk-star olandese Andrè Hase; è l’ostinazione all’affermazione, nel documentario Sicily Jass, di Nick La Rocca che con l’Original Dixieland Jazz Band incise, per primo al mondo, un disco jazz. Più concettualmente questo tema è presente nella lotta contro il dissolversi della propria immagine in Low (in anteprima assoluta), film sperimentale opera prima di Renaud Cojo, fantasmagorica celebrazione di David Bowie in salsa Philip Glass. Il tema della competizione diventa ancora più pregnante quando determina il destino di una band in esilio forzato e costretta in tour per 15 anni per sfuggire alla dittatura di Pinochet, come nel documentario di Jorge Leiva Quilapay˙n, beyond the song, o prende un tono sacrificale quando nell’incontro con l’altro fa slittare il suo riconoscimento come avviene in For this is my body, dove un cupo Carl Barât dei Libertines vampirizza sentimentalmente una groupie per uscire dal proprio spleen r’n’r’. La visione più radicale è quella che spiana la via alla sopravvivenza una volta per tutte, perchÈ sovverte tutto con l’urlo anarchico e naif del noise nipponico, come accade nel post-atomico e visionario 2045 Carnival Folklore di Naoki Kato.

La sezione Soundies è la grande sorpresa dell’edizione 2016. Un importante lavoro di diffusione del bando ha evidenziato il desiderio dei registi di videoclip di confrontarsi con giurie ed editori. La rete ha cambiato il modo di fruire il clip musicale: lo ha liberalizzato, da un lato è la cosa bella e democratica del web dall’altro per i registi si è perso il concetto di selezione e di conseguente approvazione da parte degli addetti ai lavori. I clic sui mediaplayer non sono solo relativi al video ma spesso sono relativi al nome della band e al marketing della stessa, al Seeyousound torna l’antico e prezioso mix: musica e immagini si sposano per formare emozioni. La musica e le immagini sono infatti ciò che la giuria giudicherà e il pubblico apprezzerà di più. Una selezione internazionale nella quale si potranno vedere videoclip davvero unici, dai Royksopp ai Mumford & Sons passando per i Prodigy.

Sono quattro gli appuntamenti speciali presentati nella sezionne Into the Groove, titoli che attraversano il programma come un viaggio esotico denso di ricordi e allusioni che ci conduce in territori dimenticati o mai esplorati. La seconda grande anteprima italiana di Seeyousound vede protagonista uno degli attori più carismatici della storia del cinema contemporaneo, Al Pacino con  Danny Collins, il film scritto e diretto da Don Fogelman, sceneggiatore di Last Vegas e Crazy, Stupid, Love qui al suo debutto alla regia: la storia di un anziano rocker che, dopo aver ricevuto con quarant’anni di ritardo una lettera di John Lennon, decide di ripensare alla sua vita. Al Pacino promette una delle sue migliori performance da molti anni a questa parte. Per Seeyousound, un vero evento.

E torna anche quest’anno il sabato del festival con la Notte Rossa del Videoclip, in collaborazione con MTV Music: una nuova emozionante selezione dei migliori videoclip degli ultimi 25 anni. Dall’1 alle 4 del mattino di sabato 27 febbraio si potranno ammirare nella sala del cinema Massimo per apprezzare immagini e suono come mai in TV o sul pc è stato possibile fare! Una notte imperdibile per gli amanti della più breve forma registica legata alla musica.

Tre saranno invece i momenti di approfondimento dedicati alla tecnologia, alla musica e al cinema: venerdì  26 alle ore 12 presso Da Emilia, si terrà un panel Le colonne sonore nel cinema e in TV. Intervengono: Paolo Spaccamonti, Roberto Casalino, Daniele Celona e Max Casacci.

INFO: www.seeyousound.org

Virgin Radio Consiglia

Rolling stones
 
Placebo parte 1
 
Metallica Kirk Hammett
 

Seguici su Facebook