Virgin Radio Italy

WEBRADIO

webradio Radio Bau
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Radio Rock Party
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
webradio Music Star Ligabue
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio On-Air
 
webradio Music Star Vasco
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 

Rock News

Addio David Bowie: i ricordi di Paul McCartney, Yoko Ono e Marilyn Manson

La scomparsa del Duca Bianco ha fatto il giro del mondo lasciando un vuoto nel cuore dei colleghi e di tutti quelli che ne sono stati influenzati

David Bowie: i ricordi di McCartney, Yoko Ono e Manson

La morte di David Bowie è un colpo difficile da digerire. Il Duca Bianco è stato uno dei massimi esponenti della musica rock e la sua assenza sarà praticamente impossibile da colmare. Dalla notizia della sua morte in tanti hanno voluto esprimere il loro messaggio di cordoglio. Tra questi anche Paul McCartney che non ha mai collaborato però con Bowie: "Brutte notizie al risveglio in questa mattina piovosa - ha scritto il Macca - David era una grande star, e mi tengo stretti i momenti che abbiamo avuto insieme. La sua musica ha svolto un ruolo fondamentale nella storia musicale britannica e sono orgoglioso nel pensare all'enorme influenza che ha avuto sulle persone di tutto il mondo. Voglio mandare il mio affetto alla famiglia e ricordare le risate che ci siamo fatti nel corso degli anni. La sua stella brillerà per sempre nel cielo".

Anche Yoko Ono, vedova di John Lennon (che con Bowie ha realizzato il brano "Fame") ha condiviso il suo ricordo: "John e David si sono sempre rispettati molto. Erano entrambi ricchi di talento. Nonostante io e John avessimo pochi amici consideravamo David come uno di famiglia. E' stato una figura paterna per Sean quando John è morto. David lo andava a prendere a scuola e gli faceva fare il giro dei musei o lo portava in studio con lui".

Toccante anche il ricordo di Marilyn Manson: "Ogni sua canzone era un modo per me di comunicare con gli altri. Era un sedativo, era un eccitante, una lettera d'amore che non avrei mai potuto scrivere. E' diventato e rimane una colonna sonora di un film che ha disegnato con la sua voce e la sua chitarra. Non ho bisogno di speranza per sapere che ora è andato nel posto che eguaglia il suo intoccabile, camaleontico genio musicale. La stella nera nello spazio, alla quale appartiene. Questo momento può essere affrontato solo facendo riferimento alla sua musica che ha avuto influenza su chiunque l'abbia ascoltata ed amata".

Virgin Radio Consiglia

Motorshow: il video con l'intervista ai Daboot
 
Rolling stones
 
Placebo parte 1
 

Seguici su Facebook