Virgin Radio Italy

WEBRADIO

webradio Music Star Ligabue
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Virgin Radio Xmas
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
webradio Music Star Vasco
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Rock Hits
 
webradio Radio Bau
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio On-Air
 

Rock News

Addio Scott Weiland: il rocker trovato morto in Minnesota. Aveva 48 anni

Il cantante dei The Wildabouts e ex Stone Temple Pilots e Velvet Revolver è stato trovato senza vita

Scott Weiland

Scott Weiland: il rocker trovato morto in Minnesota

Scott Weiland, frontman dei Wildabouts, con un passato negli Stone Temple Pilots e nei Velvet Revolver è morto all'età di 48 anni. Questo il messaggio apparso sulla sua pagina Facebook ufficiale: "Scott Weiland, conosciuto come cantante degli Stone Temple Pilots e dei Velvet Revolver, è morto nel sonno a Bloomington, nel corso della tappa del tour in Minnesota in cui era impegnato con i The Wildabouts. In questo momento vi chiediamo solo che la privacy della sua famiglia venga rispettata".

Il primo tweet con la notizia della morte di Weiland è arrivato da Dave Navarro, chitarrista degli Jane's Addiction che aveva scritto: "Il nostro amico Scott Weiland è morto", per poi cancellare il post qualche minuto dopo. Weiland è stato trovato senza vita all'interno di un camper ma non sono ancora note le cause del suo decesso. E nel corso della giornata sono arrivate anche le numerose reazioni del mondo della musica e dei suoi protagonisti a questa tragica notizia, a cominciare proprio da Dave Nevarro: "Non è un mia perdita, è una perdita per tutti. Mando i miei pensieri alla sua famiglia". E sono arrivati anche le parole di Krist Novoselic "Davvero dispiaciuto di sapere di Scott Weiland", passando per Joe Perry degli Aerosmith: "Sono assolutamente addolorato per la morte di Scott che era un performer di talento. I miei pensieri vanno alle persone care, agli amici e ai fan". Più personale il ricordo dei Wheatus: "Abbiamo aperto per gli Stone Temple Pilots nel 200. Li ho visti dalla parte laterale del palco e Scott Weiland mi ha distrutto, era davvero qualcosa di pazzesco. Vederlo sul palco mi ha cambiato per sempre".

Virgin Radio Consiglia

Motorshow: il video con l'intervista ai Daboot
 
Rolling stones
 
Placebo parte 1
 

Seguici su Facebook