Virgin Radio Italy

WEBRADIO

Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
webradio Music Star Ligabue
 
Virgin Radio Hard Rock
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock Party
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
webradio Radio Bau
 
Virgin Radio On-Air
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Virgin Rock Hits
 
webradio Music Star Vasco
 
Virgin Radio Xmas
 

David Bowie: il capolavoro di Lou Reed? Lulu con i Metallica

Laurie Anderson, vedova dell'artista newyorkese, ha rivelato il pensiero del Duca Bianco sulla carriera del marito

Metallica e Lou Reed

Un album controverso pesantemente "deriso" dalla critica e dai fan, ma ora Lulu realizzato da Lou Reed in collaborazione con i Metallica ora ottiene una piccola rivincita. Secondo Laurie Anderson, vedova dell'ex frontman dei Velvet Undergound, David Bowie considera quel lavoro come il suo vero capolavoro. La rivelazione è arrivata nel corso della cerimonia della Rock and Roll Hall of Fame. Dopo aver fatto il suo ingresso con i Velvet Underground, l'organizzazione ha deciso di omaggiare il cantante scomparso anche con l'ingresso da solista: "Uno degli ultimi progetti di Lou - ha detto la vedova sul palco - è stato il suo album con i Metallica. E' stato un lavoro impegnativo e che lo ha fatto soffrire molto. Dopo la morte di Lou, David Bowie mi ha rivelato che si trattava del suo vero capolavoro. Mi ha detto: "Aspetta e vedrai che sarà come Berlin, ha bisogno solo di un po' di tempo prima di essere capito". Mi sono andata a rileggere i testi e sono davvero feroci. Sono stati scritti da un uomo che ha capito la paura, la rabbia, il veleno, il terrore e l'amore".

UN DISCO DA RISCOPRIRE
L'album uscito nel 2011, ha avuto un accoglienza molto negativa ma come spesso accade potrebbe cominciare a trovare consensi a molti anni dalla sua pubblicazione. All'indomani della morte di Reed, Lars Ulrich (batterista dei Metallica) dichiarò. "Ho messo il disco in macchina per i miei figli e mi sono accorto che aveva un suono ancora più importante e potente che mai. Tra 25 anni anni ci saranno milioni di persone che diranno di aver amato il disco sin da quando è stato pubblicato o che lo hanno comprato, ma nessuna delle due cose sarà vera. Sono sicuro che il tempo gli renderà giustizia ma il fatto che non sia piaciuto alle persone lo rende ancora più affascinante. In qualche modo lo rende una cosa più nostra, il nostro progetto, il nostro disco. Non è stato concepito per piacere alle masse e questo lo rende più prezioso per chi è stato coinvolto".

Virgin Radio Consiglia

Motorshow: il video con l'intervista ai Daboot
 
Rolling stones
 
Placebo parte 1
 

Seguici su Facebook