Virgin Radio Italy

WEBRADIO

Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Roger Waters - Pink Floyd Music Star
 
Virgin Radio Rock Party
 
Virgin Radio 10 Years Style Rock
 
webradio Music Star Vasco
 
Virgin Radio IDays
 
webradio Music Star Ligabue
 
Virgin Radio Firenze Rocks
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Classic Rock
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio Hard Rock
 
webradio Radio Bau
 

Rock News

Perché riascoltiamo la musica dell’adolescenza: dopo i 30 anni smettiamo di cercare nuovi successi

Uno studio ha dimostrato che siamo particolarmente legati alla musica che ascoltavamo da adolescenti.

Perché riascoltiamo la musica dell’adolescenza: dopo i 30 anni smettiamo di cercare nuovi successi

Uno studio ha dimostrato che siamo particolarmente legati alla musica che ascoltavamo da adolescenti.

Per la precisione, a 13 anni per le donne e a 14 per gli uomini. E non solo legati, persino influenzati nei futuri gusti musicali.

Secondo un’indagine condotta da Siae e dalla Federazione italiana pubblici esercizi (Fipe), chi ascolta di più la musica nel corso della settimana (oltre sei ore) sono le persone tra i 18 e i 24 anni, residenti al Nord Est d'Italia e di sesso femminile.
Chi ha più di sessantaquattro anni si limita ad ascoltare musica per un’ora circa alla settimana. Ma è la fascia tra i 13 e i 15 anni a fruirne di più, utilizzando per l’85 per cento i servizi in streaming. 

Un altro studio è stato condotto da Seth Stephens-Davidowits che spiega sul New York Times da che cosa è nata l’idea per la sua ricerca. Il pomo della discordia è stato “Born to run” di Bruce Springsteen, molto apprezzata da Stephens-Davidowits ma non dal fratello.

Come lui stesso ha dichiarato:

«Pensavo che i dati potessero darmi chiarezza sul motivo per cui io e mio fratello non sembrassimo mai d'accordo sulla musica (…) In particolare, volevo vedere fino a che punto l'anno in cui siamo nati influenza la musica che ascoltiamo, fino a che punto le diverse generazioni non sono d'accordo sulla musica».

L’autore ha analizzato i dati di Spotify sulla musica più ascoltata da utenti di età differenti e ha scoperto che le donne sono più influenzate dalla musica che ascoltavano a 13 anni (14 anni per gli uomini).

E non mancano esempi concreti: in base a quanto è emerso dallo studio il brano “Creep” dei Radiohead è una delle canzoni  più popolari tra gli uomini di 38 anni. Al contrario non rientra neanche tra le prime 300 per quelli nati un decennio dopo. Gli amanti di “Creep” avrebbero avuto circa 14 anni quando la canzone uscì nel 1993. La stessa generazione è molto legata a “Truly Madly Deeply” dei Savage Garden.

Per la stessa ragione “Just like Heaven” dei The Cure è molto amata dalle donne di 41 anni (adolescenti al tempo della sua uscita).

Come ha dichiarato Stephens-Davidowitz:

«Questa ricerca ci dice che la maggior parte di noi, quando siamo uomini e donne adulti, prevedibilmente si attengono alla musica che ci ha catturato nella prima fase della nostra adolescenza».

VIRGIN I-DAYS MILANO 2018 - INTERVISTA OFFSPRING
 
Pearl Jam: guarda il video di Given To Fly a Idays Festival!
 
The Last Internationale: guarda il video con l'intervista a Idays
 

Seguici su Facebook