Virgin Radio Italy

WEBRADIO

Virgin Radio Hard Rock
 
webradio Radio Bau
 
Virgin Rock Hits
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Radio On-Air
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio Rock Party
 
Webradio Music Star Coldplay
 
webradio Music Star Vasco
 
webradio Music Star Ligabue
 

Club dei 27: arriva lo studio di una psicologa australiana

Dianna Thedora Kenny ha preso in esame le cause di morte di 12.665 musicisti di vari generi

Club dei 27: arriva lo studio di una psicologa australiana

Il mito del rock ha un legame forte con il concetto di morte. Ed in molti sembrano essere attratti dal lato oscuro della vita ma soprattutto della fine dei musicisti, soprattutto quando avviene in modo tragico. Nel corso del tempo è stato scritto moltissime sulle possibili cause e sul perché i musicisti, soprattutto nel mondo del rock, vadano spesso incontro ad una fina tragica ma ora la professoressa di psicologia image-20150313-7070-1jqdccgDianna Theodora Kenny, dell'Università di Sydney, ha provato a dare alla cosa un aspetto accademico. L'accademica ha infatti scritto una serie di articoli nei quali prende in esame le cause della morte dei musicisti. Nel suo primo articolo ha studiato la morte di oltre 12,665 musicisti scomparsi tra il 1950 e il giugno del 2014 per provare a tirare fuori dei dati su longevità, e le cause della loro morte. Nel secondo articolo la professoressa ha esaminato più da vicino il cosiddetto Club dei 27, il nome dato al gruppo di musicisti scomparsi a 27 anni tra cui Kurt Cobain, Jimi Hendrix, Jim Morrison... Il risultato di questa ricerca evidenzia che i musicisti muoiono molto più frequentemente all'età di 56 anni.

PUNK E METAL I GENERI PIU' A RISCHIO SUICIDIO La professoressa però non ha voluto "sconfessare" uno dei miti più longevi della musica ma ha fatto di più provando a capire quali sono i generi che portano ad un rischio più alto di morte. Certo in questo lo studio si fa meno scientifico viste le difficoltà oggettivo di "categorizzare" alcuni artisti. Stando a questo studio i musicisti hip hop rischiano di morire più facilmente rispetto agli altri per omicidio. I musicisti blues, jazz e country hanno un tasso più alto di malattie cardiache e legate al cancro. I musicisti metal e quelli punk sono invece quelli più a rischio quando si tratta di morti accidentali (overdose e incidenti). E sempre quelli del metal hanno l'incidenza più alta in fatto di suicidi. image-20150318-12132-1jjxkbz

Virgin Radio Consiglia

Motorshow: il video con l'intervista ai Daboot
 
Rolling stones
 
Placebo parte 1
 

Seguici su Facebook