Virgin Radio Italy

WEBRADIO

webradio Music Star Ligabue
 
Virgin Radio On-Air
 
webradio Music Star Vasco
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Virgin Radio Rock Party
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Rock Hits
 
Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
webradio Radio Bau
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Webradio Music Star Coldplay
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 

Dave Grohl e il senso del rock

All'ex Nirvana il compito di relatore al festival SXSW di Austin

È toccato al leader dei Foo Fighters pronunciare il discorso ufficiale al SXSW ‘13 di Austin, Texas. Il rocker è salito sul palco dell'Austin Convention Center vestito con una delle sue celebri camicie a quadri e un paio di occhiali da professore di liceo presentandosi dicendo "Spero si assomigliare a una rock star”. Durante i cinquanta minuti di speech Grohl ha parlato del suo approccio alla musica e di quello che ancora lo ispira a fare rock. Dagli inizi fino all'arrivo nei Nirvana e poi l'esperienza con i Foo Fighters.

Ma anche dei suoi gusti musicali e dei personaggi che lo hanno influenzato maggiormente facendo ascoltare anche una cassetta di un suo pezzo scritto da bambino aggiungendo alcune chicche che hanno divertito la platea: "Sono il miglior batterista del mondo? Sicuramente no”. A proposito dei Foos: "Trovare un bel nome per una band è la cosa dannatamente più difficile da fare e Foo Fighters è stato il nome più stupido che mi è venuto in mente in quel momento” alternando cose più serie a momenti di svago al limite della provocazione come quando Dave si è lasciato andare affermando, con un sorriso in volto, che "Gangnam Style” di Psy è uno dei suoi pezzi preferiti dell'ultimo periodo.

Il momento più intenso è arrivato quando, parlando dei Nirvana, ha tributato il giusto riconoscimento a Kurt Cobain e alla sua grandezza nello scrivere i testi e di quanto detestasse essere idolatrato, avere sempre addosso le attenzioni dei media e la pressione dell'industria discografica. Sulla scomparsa di Cobain Grohl ha rivelato: "Quando è morto Kurt ero perso, intorpidito. La musica alla quale avevo dedicato la mia vita mi aveva tradito. Ho spento la radio e ho messo via la mia batteria". Parlando del suo ultimo progetto, la regia del documentario Sound City, dedicato agli studi di registrazione dove i Nirvana registrarono "Nevermind” Grohl ha aggiunto che inizialmente la label aveva deciso che l'album sarebbe stato stampato in 35.000 copie e basta. Ne vendette 300.000 nella prima settimana… Questa è storia.

GUARDA IL VIDEO DELLO SPEECH


GUARDA LE IMMAGINI DEL CONCERTO

Virgin Radio Consiglia

Rolling stones
 
Placebo parte 1
 
Metallica Kirk Hammett
 

Seguici su Facebook