Virgin Radio Italy

WEBRADIO

Webradio Virgin Radio Classic Rock
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
webradio Music Star Vasco
 
Virgin Radio On-Air
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
Webradio Music Star Coldplay
 
webradio Music Star Ligabue
 
Virgin Radio Rock Party
 
webradio Radio Bau
 
Virgin Radio Xmas
 
Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Rock Hits
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 

Rolling Stones in lutto per la morte di Bobby Keys

Il sassofonista, che ha accompagnato i Rolling Stones in tour per oltre 45 anni, è scomparso all'età di 70 anni

Rolling Stones in lutto per la morte di Bobby Keys
Bobby Keys, storico sassofonista che ha accompagnato i Rolling Stones in tour oltre ad aver partecipato alla realizzazione di grandi classici come Brown Sugar e Live With Me è morto ieri all'età di 70 anni. “Se credi alla magia del rock and roll cosa che io faccio devotamente, non è mai una questione di individualità – raccontò a Rolling Stone America il musicista nel 2012 – Ho suonato nelle band con i migliori musicisti in circolazione, ma anche se erano i migliori, se non riuscivano a suonare insieme non ne veniva fuori niente di buono”. Una frase che racconta meglio di tutto il suo approccio al mondo della musica. UNA VITA CON GLI STONES Ed ovviamente immediata è stata anche la reazione dei Rolling Stones, Jagger e compagni si sono detti: “devastati per la perdita di un loro caro amico e di un leggendario sassofonista. Bobby ha fornito un contributo musicale uno alla band sin dagli anni '60. Sarà una grande mancanza” si legge nel comunicato ufficiale rilasciato dalla band. Il chitarrista Keith Richards ha voluto esprimere la sua tristezza: “Ho perso uno dei miei migliori amici al mondo ed in questo momento non riesco neanche ad esprimere il senso di tristezza che provo, anche se lo stesso Bobby in questo momento mi direbbe di tirarmi su di morale. Le mie condoglianze vanno a tutti quello che lo conoscevano e lo amavano per la sua musica”. UN GRANDE DEL SAX Bobby Keys ha incontrato la strada dei Rolling Stones per la prima volta nel 1964 a San Antonio: “Ero molto scettico su di loro, ma poi andai ad ascoltare e capii che si trattava di puro rock. Onestamente non avrei mai pensato che dei ragazzi inglesi potessero fare una canzone di Buddy Holly, ma quando li ascoltati mi diedero la stessa energia che mi avevano trasmesso Buddy e Elvis”. 3 dicembre 2014

Virgin Radio Consiglia

Motorshow: il video con l'intervista ai Daboot
 
Rolling stones
 
Placebo parte 1
 

Seguici su Facebook