Virgin Radio Italy

WEBRADIO

Virgin Radio Hard Rock
 
Virgin Radio Rock Party
 
Webradio Virgin Radio Rock '80
 
webradio Music Star Vasco
 
webradio Music Star Ligabue
 
Virgin Rock Hits
 
Virgin Radio On-Air
 
Virgin Radio Classic Rock
 
webradio Virgin Radio Rock '70
 
Virgin Radio 10 Years Style Rock
 
Webradio Music Star Coldplay
 
Webradio Virgin Radio Rock Alternative
 
webradio Radio Bau
 

#RockRiders

Diario di bordo di un week end da Rock Riders

16.15 - 22 set 2017 da sede Virgin Radio, Lombardia

Alle 16.30 ca. arriveranno le quattro coppie di Rock Riders vincitori del concorso Virgin Radio - Yamaha. Siamo curiosi di conoscerli. Stasera saranno nostri ospiti a Milano in un hotel non distante dalla radio e domani mattina partiranno con noi in direzione Lucca.

Prepariamo gli ultimi documenti per il brief che avranno tra poco con Ringo.

I file da controllare prima del viaggio sembrano non finire mai... Suona il telefono. E’ la reception: “Due coppie sono arrivate… vi chiamo quando sono arrivati tutti, ok?”.

17:00 - 22 set 2017 da sede Virgin Radio, Lombardia

Eccoli qui intorno al tavolo della sala riunioni. I Rock Riders hanno la faccia di chi non ci crede ancora.

“Sì, avete vinto! Domani si parte”.

Ringo com’è alla radio è di persona: li intrattiene, scherza, racconta.

Aspettiamo ancora una coppia che arriva dalla Sicilia ma si sta facendo tardi e dobbiamo iniziare il brief. Poi ecco Anna e Laura, arrivate da Palermo con scalo a Zurigo. L’hanno presa larga ma sono arrivate e hanno portato anche dei biscotti al pistacchio (e due fogli con un racconto di viaggio scritto da Anna).

Ci conosciamo tutti da meno di un’ora ma c'è già sintonia.

Consegnate tutte le info utili per il viaggio (e qualche dritta per la serata) Ringo ci saluta. I Rock Riders rimangono in radio per visitare gli studi di Virgin Radio e quelli delle “cugine” Radio 105, R101, RMC. Un’occasione per scoprire il dietro le quinte della radio e tanti modi diversi per farla.

19:00 - 22 set 2017 da sede Virgin Radio, Lombardia

Conclusa la “visita radio”, lasciamo i Rock Riders alla loro serata milanese.

Li aspettiamo domani mattina per partire per la nostra nuova avventura a bordo di Yamaha insieme a Ringo e Giovanni Di Pillo.

Mentre ci salutiamo ognuno cerca di memorizzare i nomi degli altri: Tamara, Silvia, Laura, Andrea, Anna, Laura, Nicola e Jimmy (“Jimmy… come diminutivo di?”).

11:00 - 23 set 2017 da Terzi Motor Yamaha, Lombardia

Alle 10 l’officina della Terzi Motor di Milano era già invasa. Sbrigate le faccende burocratiche, lo staff Yamaha ha consegnato le xsr700 e xsr900 alle quattro coppie: potranno guidarle per le prossime 48 ore.

Gli occhi azzurri di Tamara brillano. Ci pare la più emozionata forse perché da mamma di un bimbo piccolo (anzi di un baby rock riders scopriremo poi!) è da un po’ che non si ritaglia un week end tutto per sé a bordo di una moto (e che moto!). E’ accompagnata da Silvia, ex collega di lavoro diventata negli anni insostituibile amica.

Ci sono poi i due “mugelliani”, come si sono definiti Nicola e Jimmy la prima volta che li abbiamo sentiti al telefono; pregustano già l’emozione di un viaggio guidato dal grande Giovanni Di Pillo con il quale condividono la stessa viscerale passione per tutto ciò che riguarda il motociclismo. Hanno una GoPro sul casco: di questa esperienze vogliono conservare ogni ricordo e km fatto a bordo della xsr900 che stanno per mettere in moto.

Poi c’è Anna con Yamaha ha un feeling particolare... Indossa giubbotto Yamaha, casco “Faster Sons” Yamaha e ci racconta l’incredibile storia di quando – non molto tempo fa - ha vinto una Yamaha partecipando a un test drive organizzato da una concessionaria di fronte a casa sua in Sicilia. “Mai vinto nulla prima…” assicura. Laura una teoria per spiegare tanta fortuna concentrata ce l'ha: la buona sorte è arrivata da quando si conoscono (della serie “Coincidenze? Non credo!”).

Anche Andrea è accompagnato da una Laura. Una coppia molto affiatata. Lui fa il programmatore, lei la stilista. Lui passa le giornate tra computer e righe di codice e lei tra colori e disegni. Entrambi appassionati di moto e musica (Andrea è anche un musicista) sembrano ancora un po’ increduli di essere qui ma quando sentiranno “la voce” del motore della xsr900 capiranno che è tutto vero.

Puntualissimi all’appuntamento anche i nostri “capitani” che hanno organizzato la partenza della carovana: Ringo farà da apripista sulla sua Jeep (purtroppo oggi non potrà guidare una moto), appena dietro Giovanni, poi i vincitori, poi lo staff e a chiusura del gruppo la nostra Jeep Compass “Itinerari del Rock” dalla quale racconteremo sui social il viaggio.

Che il week end di motori e musica abbia inizio!

14:00 - 23 set 2017 da Forte dei Marmi, Toscana

I Rock Riders hanno preso confidenza con le xsr700 e xsr900 e ne sono entusiasti. Il viaggio è andato benissimo. Solo una sosta in Autogrill e poi dritti fino a Forte dei Marmi per lasciare in hotel tutti i bagagli caricati sulla nostra Jeep Compass.

Sulla Cisa, al solito, abbiamo trovato nuvole e fresco ma qui c’è un tempo fantastico e fa caldo. La voglia di raggiungere Lucca per il concerto combatte con la voglia di godersi un po’ quest’aria di mare e il sole.

Del resto viaggiare in moto è libertà. Libertà di aggiustare i programmi in corsa, ripensarli sulla base del meteo o di quel che dice la pancia. Per esempio, ora la pancia dice che è proprio ora di fare “rifornimenti”.

Pranziamo in un ristorante a due passi dalla spiaggia.

A tavola chiacchiere e risate, soprattutto con Giovanni che segue dall’ipad le qualifiche della Motogp e le commenta con i Rock Riders. Una cronaca “live” dove l’accento toscano di Giò si mischia con quello romagnolo di Andrea, Laura, Jimmy e Nicola che arrivano da Modena e Rimini.

Ringo invece è bombardato di telefonate e messaggi. Da Lucca lo reclamano, deve fare i collegamenti in diretta dal concerto dei Rolling Stones.

E’ tempo per lui di rimettersi in viaggio. I Rock Riders restano ancora un po' qui.

18:00 - 23 set 2017 da Lucca, Toscana

Ci separiamo dalle Yamaha xsr700 e xsr900. E’ ora di accontentare anche l’anima rock dei nostri riders!

I parcheggi sono distanti dall’ingresso del concerto: una buona occasione per sgranchire le gambe e scoprire una città bellissima dove ogni angolo ci ricorda che tra poco per tutta Lucca risuonerà la musica dei leggendari Rolling Stones.

Lasciamo caschi e giubbotti in un hotel - scovato da Tamara - che probabilmente è tra i più belli della città - il Piccolo Hotel Puccini – e cui gestori sono incredibilmente gentili. Una piccola oasi nel caos che precede l’inizio del concerto.

Ci sono ancora molte code, tantissima gente per strada. Manca poco: “Dai entriamo!”

21:00 - 23 set 2017 da Lucca, Toscana

Passati tornelli e controlli. Siamo all’interno delle mura insieme a 60mila persone impossibili da contare ma che si vedono e sentono tutte.

Un’energia pazzesca ci invade e smorza la delusione di scoprire che è impossibile tentare di avvicinarsi al palco. Poco importa. Siamo qui e ci godremo la serata al massimo.

“Please allow me to introduce myself…”

Poco dopo le 21 le prime note. Un boato.

Il concerto inizia, ruvido, senza fronzoli.

Sui maxi schermi appaiono l’incredibile Mick Jagger e i suoi compagni di viaggio che aprono due ore di concerto con “Sympathy For The Devil”.

Mick Jagger canta e balla con quel suo modo unico di muoversi e sfodera un italiano niente male. Inizia spiegando che è la prima volta che suonano in Toscana. Più avanti chiede se “c’è qualcuno di Milano, di Roma, di Firenze?” e si diverte a dire “ganzissimo”.

Il pubblico che balla, canta, risponde, ride (e cerca di arrampicarsi ovunque per conquistare una visuale migliore) è davvero variegato. Fan di tutte le età… C’è il pubblico che è cresciuto con loro, ma ci sono anche le nuove generazioni che continuano a subire il fascino di questi “ragazzacci del rock”.

“Let’s spend the night together” scritto da Mick Jagger e Keith Richards nel 1967 mette d’accordo e fa ballare ancora tutti, così come “Paint It, Black” (del ’66) con il suo riff incalzante.

I nostri Rock Riders si godono lo spettacolo; le avventure della giornata sembrano averli già trasformati in un gruppo affiato di amici che si sta divertendo un mondo.

Un sosia di Keith Richards ballonzola vicino a noi e si presta per selfie e video.

Dopo “Happy” e “Slipping away”, in un attimo di silenzio Nicola e Jimmy si mettono a canticchiare il brano con il quale ci stanno “tormentando” da tutto il giorno anticipando così di un soffio il brano che i Rolling Stones stanno per suonare: I Miss you.

Il pubblico scoppia in un boato alle prime note, noi in una risata.

“Oooh oooh oooh oooh… Oooh oooh oooh oooh… Lord I miss you”.

Dopo “Midnight trembler” e “Street fightin’ man” Jagger parte con un “are you feeling good? che cazzo...” per poi lanciarsi in una travolgente “Start me up”. Chiusura con “Brown sugar” e “(I can’t get no) Satisfaction”. Poi due bis “Gimme Shelter” (con duetto con Sacha Allen) e “Jumping jack flash”.

24:00 - 23 set 2017 da Lucca, Toscana

Sulla via del ritorno, ritiro dei caschi e sosta in una piazza centrale di Lucca per mangiare le “Frittelle di Nelli”, un concentrato di zucchero, crema e “felicità allo stato solido, morbido e commestibile”.

Per rientrare in hotel dobbiamo separarci. Le moto sono in parcheggi diversi e sulle strade per uscire da Lucca ci sono parecchie deviazioni (anche per chi è a piedi come alcuni di noi che devono recuperare la Jeep in un parcheggio molto distante dall’area del concerto). Ci diamo appuntamento a Forte dei Marmi dove arriviamo, dopo ore, “scaglionati”. Sulla via del ritorno è successo un po’ di tutto: dalla pioggia alle uscite sbagliate.

Qualcuno (Nicola!) s’è perfino trovato a Pisa, facendosi aspettare da tutto il gruppo – un po’ in pensiero - nella hall dell’albergo fin quasi le tre di notte. Quando è arrivato, grande festa e, nonostante l’orario, ancora voglia di ridere, di raccontarsi il viaggio e di cantare il tormentone del week end: “Ooohhh ohhhhh…”.

“Come rimaniamo per domani?”. “Scrutiamo il cielo – e le app meteo – e poi decidiamo insieme a che ora rientrare a Milano. Comunque colazione per le 10... 'notte”

9.45 - 24 set 2017 da Forte dei Marmi, Toscana

Colazione abbondante e preparativi per il viaggio.

La pioggia ha provato a rimandare la nostra partenza ma in realtà ci ha dato l’occasione di stare ancora un po’ insieme nella zona relax dell’albergo a fare foto e riprese e a ridere ancora.

Non siamo ancora arrivati a Milano ma già il gruppo di Rock Riders si organizza per ritrovarsi dopo questa esperienza unica.

Tamara al momento della partenza ha una nuova occasione di dimostrare le sue capacità organizzative. Si misura con i bagagli: una sfida ardua! Non per lei che in pochi minute e mosse riesce a fare stare tutto sulla Jeep creando spazi che nel viaggio di andata non esistevano.

14.00 - 24 set 2017 da Fiorenzuola d’Arda, Emilia Romagna

Ci fermiamo a pranzare in Autogrill, chi per mangiare chi per vedere dallo smartphone la diretta streaming della MotoGp.

Nemmeno il tempo di scendere da auto e moto e arriva un video su Whatsapp da parte di Ringo e Giovanni che sono al Mugello. E’ un saluto per i ragazzi e un ringraziamento per questa iniziativa “da ripetere!”.

Prima di partire mandiamo a nostra volta un video-messaggio di risposta e ci rimettiamo in viaggio rilassati.

Dalla Jeep seguiamo i Rock Riders e commentiamo la loro guida. Si vede che ormai hanno preso confidenza con le moto. Si superano. Si godono gli ultimi km e aprono tutta la potenza delle XSR.

15.30 - 24 set 2017 da Milano, Lombardia

Siamo arrivati. A Milano c’è il sole (e pensare che tutte le app meteo concordavano su nefaste previsioni di pioggia… sarà Laura che porta davvero fortuna?!).

E’ il momento di restituire le chiavi delle XSR e tornare ciascuno alla sua realtà dopo questo week end da sogno. Un’ultima foto di gruppo; la promessa di tenersi in contatto e vedersi a Milano o magari in Sicilia o in Emilia Romagna, alla prima occasione.

Ci allontaniamo con il sorriso sulle labbra, il rombo delle XSR ancora nelle orecchie, una quantità incredibili di immagini da riordinare che sembrano scorrere veloci davanti agli occhi e quella canzone tormentone in testa che continuerà a farci sorridere per giorni: “Ohhhh ohhhhh ohhhh…”

text & photo: S.Bettazzi
Immagini realizzate con LG G6
Dolores O' Riordan: il live acustico con i Cranberries negli studi di Virgin Radio. Guarda il video
 
VIRGIN RINGO RAINBAND 10-11-2017
 
Franz Ferdinand
 

Seguici su Facebook